Login Registrati
Facebook Twitter Google Plus
Abbonati
| |

Apple Park: le zuccate dei dipendenti contro le (futuristiche?) vetrate

Nel nuovo quartier generale di Cupertino, costato 5 miliardi di dollari, le pareti di vetro sono talmente "invisibili" che la gente ci sbatte contro.

Eleganti e traditrici: le facciate di vetro dell'Apple Park. L'edificio occupa un'area complessiva di 260.000 metri quadrati.|Apple

Anche ai migliori architetti capita di sbagliare, ma se l'errore riguarda un simbolo di pulizia ed eleganza come l'Apple Park, il nuovo quartier generale della Apple a Cupertino, nel cuore della Silicon Valley, la notizia è particolarmente curiosa.

 

Astronave. L'edificio di forma circolare costato 5 miliardi di dollari (oltre 4 miliardi di euro), nato da un'idea di Steve Jobs e progettato in collaborazione con lo studio internazionale Foster + Partners, doveva essere, nei piani del fondatore di Apple, una sorta di tempio del design: in buona parte costruito in vetro, è rivestito con le più grandi vetrate curve mai realizzate, in un capolavoro di trasparenza godibile soprattutto... da fuori.

 

 

Non l'ho vista. Per i 13 mila lavoratori che da gennaio vi sono stati trasferiti, le pareti di vetro di alcuni ambienti si sono trasformate in una trappola: i giornali californiani riportano di almeno tre episodi di scontri frontali degli impiegati con le pareti di vetro, talmente pulite e trasparenti da risultare indistinguibili dalle porte automatiche (anch'esse in vetro). Non è chiaro in quanti, finora, si siano feriti, ma il giornale locale San Francisco Chronicle riporta di tre casi di chiamate al 911, incluso quello di un uomo che si è aperto il sopracciglio e ha dovuto essere medicato con alcuni punti di sutura.

 

Il cuore del nuovo campus di Apple a Cupertino: l'Apple Park non è per il momento accessibile a visitatori esterni ("perché contiene informazioni riservate"). Finché rimane a rischio zuccate, è anche meglio così. | Apple

 

Adesivi. Il problema era stato in parte presagito dal responsabile dei lavori, Albert Salvador, il quale alcuni mesi fa aveva personalmente rilevato il problema. Si racconta che mentre Salvador segnalava a un funzionario dei vigili del fuoco i pericoli relativi all'accesso alla caffetteria, le cui pareti di vetro si estendono dal pavimento al soffitto, un dipendente di Apple fosse andato a sbattere contro una "finta porta", dimostrando appunto la concretezza del problema.

 

Dopo quell'episodio sulle pareti del bar erano stati applicati adesivi neri, per segnalare la presenza di un ostacolo. I recenti incidenti sarebbero invece avvenuti contro le pareti divisorie "pod" - piccoli spazi interni, sempre in vetro - usati come uffici. Anche in questo caso i dipendenti sono corsi ai ripari, attaccando dei post-it sulle aree "solide", da evitare.

 

 

10 Marzo 2018 | Elisabetta Intini
Outbrain

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.