Login Registrati
Facebook Twitter Google Plus
Abbonati
| |

Disegna uno scienziato: un test sugli stereotipi di genere

Se chiedete ai bambini di disegnare uno scienziato, difficilmente rappresenteranno una donna. Poi, con l'età, qualcosa cambia (poco): ecco che cosa abbiamo capito grazie a un semplice esperimento.

Disegna uno scienziato: di spalle, il problema non sussiste...|Shutterstock

Tra il 1966 e il 1977, il sociologo australiano David Chambers chiese a 4.807 bambini delle scuole elementari di Canada e Nord America di disegnare uno scienziato. Fu un tripudio di camici bianchi, occhiali spessi, libri e fumetti con esclamazioni come "Wow, ho fatto una bella scoperta!".

 

Ma il dato che più di tutti colpì quando lo studio fu pubblicato, nel 1983, fu che su quasi cinquemila bambini, solo 28 avevano disegnato una femmina. E tra i 28 piccoli autori non c'erano maschi.

 

Si potrebbe pensare che da allora le cose non siano cambiate poi così tanto, ma non è così: David Miller, psicologo sociale della Northwestern University (Illinois), ha analizzato con i colleghi cinque decenni di dati su un totale di 78 studi con oltre ventimila bambini, ai quali era stato chiesto di disegnare uno scienziato. Dagli anni '80 in poi, come riporta un articolo sull'Atlantic, l'attitudine dei bambini a disegnare scienziate donne è cresciuta fino a raggiungere il 28% del totale: forse non è molto, ma è ben più dello 0,6% degli studi di Chambers.

 

Una scienziata nel disegno di una piccola partecipante allo studio. | Vasilia Christidou

 

Sulla carta e non solo. Questo progresso è andato di pari passo con una crescita - almeno negli USA - della rappresentanza femminile nella scienza. Certo le scienziate donne sono ancora superate in numero (e possibilità di carriera) dai colleghi, ma la loro presenza in cattedra, in TV e in tutte le occasioni di divulgazione è cresciuta, scalfendo in parte gli stereotipi di genere rispecchiati dai disegni. Nel 2015, per esempio, la percentuale di donne tra i laureati in chimica aveva raggiunto il 48%, dal 19% del 1966.

Ancora molto da fare. Tuttavia, il 28% di donne scienziate nei disegni non si avvicina neanche lontanamente a una situazione di equilibrio. Nella vita reale, se in campi come la chimica e la biologia è cresciuta la presenza delle donne, nella fisica e nell'ingegneria si resta ancora sotto al 20% (anche in Italia, dove le donne iscritte all'albo degli ingegneri sono circa il 15% del totale).

 

Un set della Lego dedicato a cinque donne che hanno svolto un lavoro pionieristico alla Nasa: la scienziata dei software delle missioni Apollo, Margaret Hamilton, l'astronauta Sally Ride, la matematica Katherine Johnson, l'astronoma "mamma" di Hubble, Nancy Grace Roman, e l'astronauta Mae Jemison, prima afroamericana nello Spazio nel 1992. | Lego

 

Piccole scienziate crescono. Il problema è che gli stereotipi di genere non riguardano soltanto la percentuale di donne che è già scienziato, ma anche il numero di quelle che pensa sia possibile diventarlo (senza contare l'opinione delle colleghe che si va formando nei futuri ricercatori maschi). Lavorando su queste rappresentazioni sarebbe forse possibile avvicinare più ragazze alle professioni scientifiche: un dato preoccupante che emerge dal test di disegno, infatti, è che il numero di scienziate donne disegnate scende a mano a mano che l'età dei giovani disegnatori aumenta.

All'età di 6 anni, il 70% delle bambine disegna scienziate femmine, ma le cose subiscono un'inversione di tendenza tra i 10 e gli 11 anni: arrivate a 16, il 75% delle ragazze disegna scienziati maschi. Complessivamente, il 45% delle bambine in età elementare disegna scienziate femmine, ma è comunque un dato al di sotto della norma: di solito, i bambini disegnano personaggi del proprio genere anche quando si chiede loro una figura generica.

 

Davanti allo specchio. Chi critica questo tipo di esperimento sostiene che i bambini non disegnino quello che credano corrisponda alla realtà, ma quanto prescritto dagli stereotipi che trasmettiamo loro: gli stereotipi, però, non nascono dal nulla - ricordano Miller e colleghi - ma sono radicati nel nostro modo di pensare, ne sono il riflesso.

 

E lo stereotipo non si ferma al genere: il 79% degli scienziati "illustrati" negli ultimi decenni è risultato di pelle bianca. Questo dato è più difficile da interpretare - dipende anche dai colori che i bambini hanno a disposizione - ma rimane comunque decisamente sbilanciato. Sull'accesso alle professioni scientifiche, e sulla cultura scientifica in generale, abbiamo ancora molto da imparare (e da insegnare).

 

26 Marzo 2018 | Elisabetta Intini
Outbrain

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.