Login Registrati
Facebook Twitter Google Plus
Abbonati
| |

Insetti e inquinamento luminoso

Molti insetti notturni, utili per il "lavoro" di impollinazione e il controllo dei parassiti, stanno scomparendo. Sotto i riflettori dell'umanità.

Le falene sono insetti notturni importanti per l'impollinazione delle piante.

C'è un problema con gli insetti: scompaiono in numero maggiore e più velocemente di quanto si potrebbe giustificare anche con la combinazione dei "soliti noti", ossia i cambiamenti climatici, l'uso indiscriminato di pesticidi e lo sfruttamento del suolo. Il nuovo (neppure tanto nuovo) fenomeno sotto accusa è l'inquinamento luminoso.

 

Ricerca sul campo: un censimento di insetti catturati con speciali reti.

Non è la prima levata di scudi contro la luce artificiale notturna e si è già più volte sottolineato l'impatto negativo che ha sui piccoli animali notturni. In questo caso, un lavoro di approfondimento di ricercatori tedeschi e olandesi (biologi ed entomologi) evidenzia un aspetto della questione: il declino delle popolazioni di insetti volanti.

 

Lo studio, molto articolato, concluso a fine 2017 e pubblicato su PLOS One, è partito dall'analisi della biomassa degli insetti volanti che, negli ultimi 27 anni, hanno popolato aree protette selezionate all'interno di zone agricole, arrivando infine alla conclusione che è diminuita del 75 per cento. I cambiamenti del clima e dell'habitat hanno avuto un ruolo, anche importante, ma la ricerca isola un altro elemento, forse più determinante: «Oltre la metà di tutte le specie di insetti sono notturne e dipendono dall'oscurità e dalla luce naturale per orientarsi, muoversi, sfuggire ai predatori, nutrirsi e riprodursi. La luce artificiale notturna interferisce fino ad avere un profondo impatto negativo sulla loro sopravvivenza», si legge nella ricerca.

 

Microsculture: gli insetti come non li avete mai visti. | microsculpture.net/Levon Biss

 

Ecosistemi alterati. Le luci artificiali, perennemente accese, attirano gli insetti e li intrappolano in un loop che li porta alla morte, per esaurimento delle forze o perché diventano facili prede di altri animali. Le stesse luci impediscono inoltre agli insetti di disperdersi su grandi aree, e questo riduce di molto gli scambi genetici all'interno delle popolazioni - e perciò la loro resistenza.

 

Molti di questi insetti sono impollinatori, oppure contribuiscono al controllo dei parassiti (che infestano i campi coltivati e obbligano perciò a un maggiore ricorso ai pesticidi). L'inquinamento notturno è, insomma, un problema cresciuto progressivamente fino ad assumere dimensioni insospettabili fino a pochi anni fa.

23 Giugno 2018 | Luigi Bignami
Outbrain

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.