Login Registrati
Facebook Twitter Google Plus
Abbonati
| |

Le lucciole brillano per comunicare ai pipistrelli che sono disgustose

Il segnale emesso dagli insetti non è soltanto un richiamo per i potenziali partner: è un'assicurazione sulla vita, che ricorda ai predatori il loro pessimo sapore.

Sono qui! Ma non ti conviene.|Shutterstock

È uno spettacolo ormai raro, sempre romantico: la danza di corteggiamento delle lucciole annuncia l'estate, una stagione di amori, notti limpide (oltre che un ambiente pulito). Perché brillano, le lucciole? Per attirare l'attenzione del partner - questo lo sappiamo - ma forse anche per un altro motivo, ancora più fondamentale: per salvarsi la vita, e indicare ai pipistrelli che il loro addome a emissione luminosa ha un pessimo sapore.

 

Il segnale salva la vita a questi coleotteri notturni, della famiglia dei Lampiridi, ed evita ai pipistrelli una serataccia: le sostanze chimiche alla base del brillio (come la proteina luciferina) sono indigeste per i predatori, tanto indigeste da provocare conati di vomito immediati.

 

Per scoprire quali altri insetti e volatili si illuminano creando spettacoli naturali meravigliosi guarda questo articolo sul nuovo numero di Focus in edicola.

Appuntamento al buio. I ricercatori della Boise State University (Idaho, Usa) si sono presi l'ingrato compito di presentare alle lucciole (e ad altri insetti) alcuni esemplari di pipistrello serotino bruno (Eptesicus fuscus) che con quegli insetti non avevano mai interagito. Gli incontri sono avvenuti in una camera oscura e sono proseguite per 4 giorni, sotto l'occhio attento di telecamere ad alta velocità.

 

Il primo giorno tutti i pipistrelli coinvolti hanno mangiato una lucciola. Come da copione, hanno scosso la testa, ipersalivato e sputato il boccone, e dopo alcuni passi falsi hanno imparato a evitare l'insetto. A questo punto, il team ha introdotto nella stanza alcune lucciole con l'addome dipinto di nero (l'equivalente di "spegnere la luce"): il 40% di esse è stato mangiato comunque, mentre nessun pipistrello ha più osato avvicinarsi alle lucciole libere di brillare.

 

Siamo vivi: festeggiamo... L'ipotesi è che la luminosità possa essersi evoluta in prima istanza come arma di difesa, e che in un secondo momento sia stata adottata per il corteggiamento. Questo spiegherebbe perché alcune larve di lucciole (delle quali esistono circa 2.000 specie) si illuminino al buio nonostante siano sessualmente immature. Il bagliore, comunque, non è tutto: per i ricercatori, i pipistrelli saprebbero riconoscere le lucciole anche dalla frequenza del loro battito d'ali.  

 

28 Agosto 2018 | Elisabetta Intini
Outbrain

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.