Login Registrati
Facebook Twitter Google Plus
Abbonati
| |

Il killer della regina del Mediterraneo

La nacchera, un grande mollusco bivalve endemico dei nostri mari, è minacciata da un parassita: oltre alle possibili contromisure allo studio, i ricercatori chiedono aiuto ai cittadini.

Nacchera (Pinna nobilis) fotografata nei mari della Sardegna. Questo mollusco bivalve può essere lungo 1-1,5 metri. Le fotografie in questa pagina sono state gentilmente concesse da Stefania Coppa, biologa marina dell'Istituto per l'ambiente marino costiero del Cnr.|Stefania Coppa / IAMC - CNR

La nacchera (Pinna nobilis) è un grande mollusco bivalve, lungo anche oltre 1 metro, che abita solo nel Mar Mediterraneo, spesso nelle praterie di posidonia. Oltre che dalla raccolta illegale e dall’inquinamento, le popolazioni di questa specie sono minacciate da un protozoo parassita, identificato come nuova specie e descritto sul Journal of invertebrate pathology.

 

Il parassita è stato chiamato Haplosporidium pinnae, appunto perché colpisce la Pinna nobilis. Tra gli autori del lavoro c’è anche l’italiano Gaetano Catanese, del Laboratorio de Investigaciones Marinas y Acuicultura delle Isole Baleari (Spagna).

 

Due nacchere uccise dal parassita Haplosporidium pinnae. Il mollusco morto o morente si riconosce dal fatto che ha le valve leggermente aperte, oppure perché si trova il posizione orizzontale (mentre gli esemplari vivi e in salute si alzano in verticale dal fondale): chiunque avvisti l'animale in queste condizioni dovrebbe segnalarne la posizione ai ricercatori dell'Iamc, all'indirizzo talassografico.taranto@iamc.cnr.it. | Stefania Coppa / IAMC - CNR

 

Il ciclo di vita del parassita, che appartiene al phylum dei Cercozoa, è piuttosto complesso, ma sembra che il danno al mollusco derivi dalla proliferazione delle cellule del mortale ospite nella sua ghiandola digestiva. Questo riduce progressivamente l’alimentazione dell’animale e infine lo uccide.

 

Un esemplare di nacchera ucciso dal parassita. | Stefania Coppa / IAMC - CNR

La strage. La mortalità causata dal parassita ha colpito tutte le popolazioni di nacchera della costa spagnola e si sta propagando a più punti della Francia, della Tunisia e - sembra - della Turchia.

 

L’Unione mondiale per la conservazione della natura (IUCN) ha avvertito i Paesi del Mediterraneo della “situazione di emergenza”in cui si trova la Pinna nobilis; sono ora in fase di implementazione diverse azioni per la conservazione della specie a rischio estinzione.

 

Per esempio, le autorità spagnole hanno cominciato a portare in centri di ricerca un paio di centinaia di esemplari di nacchera, per mantenerli vivi e reintrodurli poi nel loro ambiente quando la situazione sarà migliore.

 

I nostri mari. In Italia casi di mortalità sono già stati osservati in Sicilia, Puglia, Campania e Sardegna: «Nel Sinis, sulla costa occidentale della Sardegna, la mortalità è altissima», riferisce Egidio Trainito, subacqueo esperto (autore dell’Atlante di flora & fauna del Mediterraneo, ed. Il Castello). Per monitorare la situazione, che è piuttosto grave, sono al lavoro task force dell’Iamc - Cnr, l'Istituto per l'ambiente marino costiero del Consiglio nazionale delle ricerche.

 

Due nacchere: in primo piano un esemplare piccolo, in buona salute. Dietro, il mollusco grande è invece morto. | Stefania Coppa / IAMC - CNR

 

Secondo Andrea De Lucia, dell’Iamc, «quello che sappiamo è che si stanno verificando morie un po’ in tutti i mari italiani che ospitano le popolazioni di pinne. Finché non saranno terminate le analisi zooprofilattiche non potremo esserne sicuri, ma è molto probabile che il “colpevole” sia la nuova specie di parassita».

 

23 Agosto 2018 | Marco Ferrari
Outbrain

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.