Mozziconi scambiati per vermi (e mangiati)
Le sigarette inquinano più di quanto si possa immaginare: i filtri, praticamente indistruttibili, sono spesso una trappola mortale per gli uccelli, che li scambiano per cibo.
Cinque grammi di plastica alla settimana
Nell'arco di 7 giorni assumiamo insieme ad acqua e cibo l'equivalente in frammenti di plastica del peso di una carta di credito, che transitano nell'organismo con effetti poco noti sulla salute. 
Webcam: il fast food degli orsi
Una delle esperienze in realtà aumentata di Focus 322, visibili con la nostra app: il fast food degli orsi, a base di salmone.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

1 km in auto costa 1 kg di ghiaccio
I ghiacciai si scioglieranno anche se smettiamo di produrre anidride carbonica: è troppo tardi per salvare il 40% dei ghiacciai. E comunque, continuiamo a produrne.
Che cosa sono i PFAS? 5 cose da sapere
I PFAS sono tra i responsabili della contaminazione delle falde acquifere del Veneto: ecco che cosa sono e perché sono pericolosi per la salute.
2050: scarsità d'acqua per 5 miliardi di persone
Nella Giornata Mondiale dell'Acqua, un allarme: nel 2050 metà della popolazione potrebbe trovarsi in aree con riserve esigue almeno una volta all'anno.
Il successo degli scarafaggi è scritto nel DNA
Nei geni delle blatte americane il segreto della loro resistenza a infezioni, alimenti scaduti e zampe staccate: sopportano tutto, tranne un armageddon nucleare.
L’antenato di tutti non era come si pensava
Un’ipotesi scientifica sulla struttura di un cellula antenata di tutte le forme di vita è stata smentita da un elegante esperimento.
L’ultimo rinoceronte
In un rifugio per animali in Kenya si è spento Sudan, ultimo maschio di rinoceronte di una sottospecie che adesso è quasi condannata.
Festa del papà: i padri animali più premurosi
Digiunano per settimane, affrontano temibili predatori, costruiscono nidi-fortezza. E tutto per i loro adorati figlioletti: ecco i padri più premurosi del mondo animale.
Il krill digerisce le microplastiche... e poi?
I minuscoli crostacei scompongono i frammenti di plastica abbandonata in mare in pezzi ancora più piccoli. Più difficili da monitorare, ma non per questo non inquinanti.