La Giornata mondiale della biodiversità 2019
Il 22 maggio si celebra la ricchezza di viventi e di ecosistemi sul Pianeta. Quest'anno, l'accento è posto sul rapporto inscindibile tra la tutela delle specie e la possibilità, per l'uomo, di vivere in salute.
La webcam sul nido
Altro che Grande Fratello: possiamo guardare la vita di famiglia degli uccelli grazie alle webcam. In diretta dai nidi di due rapaci: il falco pescatore e l'aquila di mare testabianca.
Il maltempo compromette la raccolta di miele
Il 20 maggio è la Giornata mondiale delle api, ma per le infaticabili impollinatrici c'è poco da festeggiare: il maltempo le costringe a consumare le scorte negli alveari.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

Perché non dobbiamo buttare i cotton fioc nel wc?
Innanzitutto perché finiscono nei nostri mari. E quindi...
Nelle mantidi un nuovo tipo di visione 3D
La loro capacità di percepire la profondità spaziale persiste anche se le immagini recepite dagli occhi sono completamente discordanti: se c'è un dettaglio in movimento, lo individuano subito.
300 milioni di anni fa: una spinta all'evoluzione
Alla fine del Carbonifero una periodo di aridità diede un altro corso all'evoluzione delle piante e degli animali, favorendo rettili e mammiferi.
Non mangiare il coleottero bombardiere!
L'insetto tenta una fuga disperata dalla pancia dei rospi espellendo un fluido tossico e rovente, che induce i predatori a vomitare. 
Il gambero che si clona e conquista il mondo
In una ventina d'anni l'unico crostaceo capace di riproduzione asessuata si è diffuso in ogni tipo di ambiente acquatico, in cui è divenuto una specie invasiva. Ora è un modello per gli studi sul cancro.
Il segreto dei ghepardi? Nel loro orecchio interno
Il sistema vestibolare di questi felini si è recentemente evoluto per garantire uno sprint nella corsa: il capo e lo sguardo restano stabili anche mentre la macchina da caccia è lanciata.
La vespa parassita col seghetto incorporato
La nuova specie che vive a sbafo di altri insetti ha il dorso seghettato: forse lo utilizza per liberarsi del corpo delle vittime, quando ha finito di cibarsene.
Un mare di schiuma in Libano: cosa è accaduto?
La scorsa settimana, chi passeggiava sulla riva a Naqoura si è trovato con i piedi a mollo tra le bolle. Non è la prima volta che succede, ma da cosa dipende? È pericoloso?