Pochi fiumi scorrono liberi fino al mare
Tra i grandi fiumi, due su tre sono interrotti da dighe o altre opere: ecco la nuova fotografia dell'impatto dell'uomo sulla natura e la biodiversità.
Victor Vescovo nella Fossa delle Marianne
Il miliardario americano conquista un nuovo record di profondità: 10.928 metri sotto il livello del mare. E trova la nostra spazzatura.
Tuffi contro la plastica
L'impegno contro l'inquinamento dei mari passa anche dallo sport: il nostro incontro con Eleanor Townsend Smart, una cliff diver che ha abbinato l'impegno ambientale ai tuffi da altezze estreme.
ABBONATI

SCARICA L’APP

iOS Android Amazon

1 km in auto costa 1 kg di ghiaccio
I ghiacciai si scioglieranno anche se smettiamo di produrre anidride carbonica: è troppo tardi per salvare il 40% dei ghiacciai. E comunque, continuiamo a produrne.
Che cosa sono i PFAS? 5 cose da sapere
I PFAS sono tra i responsabili della contaminazione delle falde acquifere del Veneto: ecco che cosa sono e perché sono pericolosi per la salute.
2050: scarsità d'acqua per 5 miliardi di persone
Nella Giornata Mondiale dell'Acqua, un allarme: nel 2050 metà della popolazione potrebbe trovarsi in aree con riserve esigue almeno una volta all'anno.
Il successo degli scarafaggi è scritto nel DNA
Nei geni delle blatte americane il segreto della loro resistenza a infezioni, alimenti scaduti e zampe staccate: sopportano tutto, tranne un armageddon nucleare.
L’antenato di tutti non era come si pensava
Un’ipotesi scientifica sulla struttura di un cellula antenata di tutte le forme di vita è stata smentita da un elegante esperimento.
L’ultimo rinoceronte
In un rifugio per animali in Kenya si è spento Sudan, ultimo maschio di rinoceronte di una sottospecie che adesso è quasi condannata.
Festa del papà: i padri animali più premurosi
Digiunano per settimane, affrontano temibili predatori, costruiscono nidi-fortezza. E tutto per i loro adorati figlioletti: ecco i padri più premurosi del mondo animale.
Il krill digerisce le microplastiche... e poi?
I minuscoli crostacei scompongono i frammenti di plastica abbandonata in mare in pezzi ancora più piccoli. Più difficili da monitorare, ma non per questo non inquinanti.