Un uragano può passare da un emisfero all’altro?

6a00d8341bf67c53ef01538e102cc6970b-800wi
|

No, perché la forza di Coriolis, dovuta alla rotazione della Terra attorno al proprio asse, all’equatore si annulla.
È proprio l’equilibrio tra questa forza, l’attrito dell’aria e le diverse pressioni da una zona all’altra dell’atmosfera che provoca il rapido “turbinare” delle grandi masse d’aria che costituiscono gli uragani.
A mano a mano che uno di questi si avvicina all’equatore, la scomparsa della forza di Coriolis rende sempre più difficile l’instaurarsi di questo equilibrio, e l’uragano si estingue senza poterlo attraversare.

Calma quasi piatta. La zona compresa tra le latitudini di 5º N e 5º S, infatti, è detta “zona delle calme equatoriali”, o “zona di convergenza intertropicale”: qui convergono i venti alisei provenienti dai due emisferi. In questa zona, i forti riscaldamenti della superficie degli oceani provocano per evaporazione una grande quantità di temporali, soprattutto nelle ore più calde della giornata. Ma non si verificano fenomeni violenti, come gli uragani.

Ti potrebbero interessare anche:
Come vengono dati i nomi agli uragani?
Che differenza c’è tra ciclone, uragano e tornado?

 

20 agosto 2012