Un lago di meduse

A mollo per ore tra le più inquietanti creature in gelatina? Si può - e se ne esce vivi. La strana storia, e le foto del Jellyfish Lake nell'arcipelago di Palau, nel Pacifico. Guarda anche il video e scopri dove sono le meduse con il Meteo Meduse.
Leggi anche: Brividi in gelatina: le più incredibili foto di meduse - I 10 luoghi più alieni e magici della Terra

milestone_1999499_webmilestone_1999502milestone_1999509milestone_1999503milestone_1999506milestone_1999505milestone_1999508Approfondimenti
milestone_1999499_web

Con la moda del selfie che impazza non ci stupiamo quasi più di niente. Ma addirittura concedersi un autoscatto in mezzo a milioni di meduse non sarà un po' esagerato? La subacquea qui ritratta, particolarmente impavida, ha però sfruttato un "trucco" naturale per fare bella figura.

La foto è stata realizzata nel Jellyfish Lake (Lago delle Meduse), sull'isola di Eil Malk nell'arcipelago di Palau, Oceano Pacifico. Uno specchio d'acqua salmastra infestato di creature in gelatina che, a differenza di quelle che popolano i nostri mari, sono però quasi del tutto innocue...

Altri selfie decisamente "estremi"

milestone_1999502

Un tempo collegato al resto dell'Oceano il bacino - che ha un'età stimata di circa 12 mila anni - è ora quasi del tutto isolato da una barriera di roccia e vegetazione che impedisce l'afflusso di altra acqua marina. Il risultato? Complice l'assenza di predatori, le meduse che lo abitano si sono riprodotte indisturbate, ed evolvendosi in una situazione di totale mancanza di pericolo hanno praticamente perso il loro potere urticante.

milestone_1999509

I sub si possono quindi concedere lunghe nuotate tra questi animali senza temere dolorose abrasioni. Anche se è comunque consigliabile indossare una muta: sono infatti almeno 10 milioni le meduse che fluttuano nello specchio d'acqua, lungo 460 metri e profondo 30.

Perché le meduse immerse in un acquario muoiono entro poche ore?
Cosa fare e cosa non fare quando si viene punti da una medusa

milestone_1999503

Le acque del lago sono particolarmente ricche di microscopiche alghe, le zooxanthellae, che vivono in simbiosi con i tessuti delle meduse e le riforniscono degli zuccheri che ottengono come sottoprodotto della fotosintesi.

milestone_1999506

Per seguire il sole che rende possibile la fotosintesi, e con essa la sopravvivenza di alghe e meduse, le gelatinose creature compiono una migrazione diurna all'interno del lago, spostandosi da sponda a sponda, da ovest ad est, in accordo con il tragitto della luce nei cieli.

milestone_1999505

Questo moto quotidiano fa sì che le meduse evitino le parti in ombra del lago, dove possono annidarsi gli anemoni, loro predatori, e allo stesso tempo è benefico per il lago: le sostanze nutritive presenti nelle sue acque vengono infatti rimescolate dalla migrazione di massa delle sue abitanti.

Si fa presto a dire lago: le foto dei laghi più strani della Terra

milestone_1999508

La specie di medusa più diffusa nel lago è la cosiddetta Golden jellyfish o Mastigias papua, un invertebrato di colore dorato che rende le foto dei fortunati snorkler del lago particolarmente spettacolari.

Con la moda del selfie che impazza non ci stupiamo quasi più di niente. Ma addirittura concedersi un autoscatto in mezzo a milioni di meduse non sarà un po' esagerato? La subacquea qui ritratta, particolarmente impavida, ha però sfruttato un "trucco" naturale per fare bella figura.

La foto è stata realizzata nel Jellyfish Lake (Lago delle Meduse), sull'isola di Eil Malk nell'arcipelago di Palau, Oceano Pacifico. Uno specchio d'acqua salmastra infestato di creature in gelatina che, a differenza di quelle che popolano i nostri mari, sono però quasi del tutto innocue...

Altri selfie decisamente "estremi"