Uluru ripreso da un drone: in volo sull'Ayers Rock

Il massiccio dell'outback australiano visto da una prospettiva inedita, con riprese mozzafiato autorizzate dalla comunità aborigena locale.

Una delle formazioni rocciose più famose e venerate al mondo, il massiccio di Uluru, nel Territorio del Nord, Australia, è il protagonista di questa spettacolare video-cartolina. Un drone si alza in volo sull'Ayers Rock e ne cattura gli incavi scavati nell'arenaria in 550 milioni di anni di erosione, e gli angoli conquistati dalla vegetazione.

Autorizzato. Il video è stato girato da una compagnia di viaggi australiana con il benestare della comunità aborigena locale, che tutela l'Uluru-Kata Tjuta National Park. Uluru è considerato un luogo sacro dagli Anangu, le popolazioni locali che da tempo chiedono invano al governo australiano di vietare le scalate del massiccio ai turisti, e che formalmente hanno riconquistato sovranità su questa montagna nel 1985.

 

Luogo di culto. La roccia lunga 3,6 km, che si staglia per 350 metri sopra ai paesaggi circostanti, ha un ruolo centrale nella mitologia aborigena della formazione del mondo, e rivela la sua vera essenza soltanto alle popolazioni che la venerano. A tutti gli altri mostra almeno la bellezza formale: un tripudio di colori - dal rosso, all'arancione, all'oro - che si alternano a seconda delle ore del giorno.

 

 

31 Agosto 2016 | Elisabetta Intini