Natura

Le trappole per carbonio devono essere preservate

Le aree del Pianeta che hanno nel tempo assorbito elevate concentrazioni di carbonio sono a rischio: dal permafrost alle grandi foreste fino alle torbiere.

Un gruppo internazionale di ricercatori ha realizzato una mappa del Pianeta che evidenzia le parti del mondo che trattengono concentrazioni di carbonio molto elevate - i cosiddetti carbon sink, pozzi di carbonio. Nel loro articolo, pubblicato su Nature Sustainability, il gruppo spiega che se il carbonio presente in tali aree venisse rilasciato in atmosfera, probabilmente scatenerebbe una catastrofe climatica. È noto che alcune aree della Terra contengono enormi quantità di carbonio: dal permafrost nel nord del Pianeta, per esempio, alle sequoie lungo la costa nord-occidentale degli Stati Uniti, fino alle grandi foreste e in altre aree della Terra - come il bacino amazzonico, il bacino del Congo, parti del Borneo, dalle mangrovie alle torbiere. I ricercatori descrivono questi pozzi di carbonio naturali come risorse "irrecuperabili" perché se il carbonio venisse rilasciato a causa di attività umane (come sta avvenendo nella foresta brasiliana), potrebbero volerci secoli prima che quelle aree si riprendano.

Le aree a maggiore densità di carbonio - i carbon sink - sono colorate in viola intenso: sono complessivamente il 3% circa della superficie della Terra.
Le aree a maggiore densità di carbonio - i carbon sink - sono colorate in viola intenso: sono complessivamente il 3% circa della superficie della Terra. © Monica L. Noon et all., in Mapping the irrecoverable carbon in Earth's ecosystems (Nature Sustainability, 2021)

Per saperne di più sulla posizione delle risorse irrecuperabili del pianeta, il gruppo di ricercatori ha studiato le immagini satellitari e le stime di quanto carbonio è sequestrato in queste regioni. Guardando la mappa, una caratteristica sorprendente è quanto siano piccole complessivamente le aree: tutte assieme occupano poco più del 3 per cento della superficie totale della Terra. I ricercatori sottolineano che consentire il rilascio di tutto il carbonio da tutti i pozzi naturali del pianeta porterebbe a una catastrofe: in atmosfera arriverebbero 140 miliardi di tonnellate di carbonio, che spingerebbero la temperatura del Pianeta ben oltre +1,5 gradi C al di sopra della temperatura media del periodo preindustriale - sempre che questo sia un obiettivo ancora raggiungibile.

26 novembre 2021 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us