Tifoni, uragani... Ma perché la natura è sempre più violenta?

Mentre in Giappone si fa la conta dei danni causati dal tifone Jebi, nelle isole Hawaii sembra scampato il pericolo legato al passaggio dell'uragano Norman. Ma perché gli eventi climatici estremi sono sempre più frequenti?

hayan-ciclone
Nel 2013 le Filippine sono state colpite dal ciclone Hayan con venti che hanno raggiunto i 315 km/h, e alluvioni che hanno fatto 5.700 vittime.|Shutterstock

Uno studio pubblicato sulla rivista scientifica Pnas ha calcolato che la frequenza di eventi climatici estremi come tifoni, uragani, alluvioni e periodi di siccità prolungati, è aumentata negli ultimi due secoli. Il dato è in accordo con quelli della World Meteorological Organization, secondo cui fenomeni particolarmente violenti riguardano ormai quasi tutto il pianeta.

 

In tutto, nel primo decennio del XXI secolo le persone uccise da catastrofi di questo tipo sono state almeno 370.000: il 20% in più rispetto al decennio precedente. Sulla base di dati come questi, l’Ipcc (organismo dell’Onu che studia i mutamenti climatici) ha af­fermato che alluvioni e uragani «diven­teranno molto probabilmente più inten­si e più frequenti verso la fine del XXI secolo».

 

Questo articolo è tratto da un recente numero di Focus Extra Clima che puoi acquistare su Zinio. Scopri invece che cosa trovi nell'ultimo numero in edicola in queste settimane.

| Focus EXTRA

troppa energia. Ma qual è la relazione fra questi eventi e il riscaldamento globale? Va precisato che, sebbene siano aumentati di numero, gli eventi climatici estremi sono fortunatamente ancora piuttosto rari, e questo permette di fare statistiche e previsioni affidabili.

 

Inoltre, la forma­zione di uragani e cicloni è influenzata da variazioni periodiche della circola­zione atmosferica e delle correnti ocea­niche, che fanno sì che sia quasi impossi­bile far risalire i singoli eventi al riscaldamento globale.

 

Poiché però, come si è visto, la frequenza e l’intensità sono certamente in crescita, i climatologi hanno provato spiegarne il motivo.

 

la forza dei tifoni. In linea generale: «L’incremen­to è legato alla maggiore quantità di energia presente sul pianeta, che è gene­rata a sua volta dalle temperature più elevate», afferma Giorgio Matteucci, di­rettore dell’Istituto per i sistemi agricoli e forestali del Mediterraneo del Cnr di Napoli, che si occupa degli impatti del riscaldamento globale sugli ecosistemi. Una parte rilevante di questa energia (circa il 90%) si accumula negli oceani, che così si scaldano. Per questo è sempre più frequente che la loro superficie rag­giunga i 26 °C, temperatura alla quale la formazione degli uragani diventa più probabile. Non solo: poiché i tifoni trag­gono la loro forza proprio dal mare, la maggiore quantità di energia presente nelle acque li rende anche più intensi.

 

Adattamento di un articolo tratto da Focus Extra n. 74 di Marco Ferrari.  

 

 

 

 

06 Settembre 2018 | Focus Extra