Natura

Sveglia! La luce del futuro è solida!

L'illuminazione offerta dai comuni led andrà progressivamente a sostituire quella delle lampadine. Con quali vantaggi? (Riccardo Meggiato, 29 aprile 2008)

Che cosa hanno in comune i "led" di una sveglia digitale e una lampadina? Fanno luce. Ma finisce qui, perché la tecnologia dei led, detta "a stato solido", è completamente diversa. E potrebbe presto soppiantare quella delle cara, vecchia lampadina. Certo, parlare di "cara", quando il costo attuale di una lampada a stato solido è di 60 € fa un po' effetto, ma questo è il prezzo dell'innovazione, degli studi, delle ricerche... la produzione su larga scala farà scendere i prezzi (speriamo). Resta da capire perché si dovrebbe dare un futuro all'illuminazione a stato solido.
Milioni di tonnellate di buoni motivi. Una lampada led consuma circa la metà di una equivalente a fluorescenza o incandescenza. Si stima che l'adozione su vasta scala di questa tecnologia porterebbe, per l'anno 2025, a una diminuzione di 300 milioni di tonnellate di CO2 per anno. Il merito di simili prestazioni sta nel fatto che l'illuminazione a stato solido si basa su semiconduttori inorganici (led, light-emitting diodes) o organici, cioè basati su composti contenenti carbonio (oled, organic light-emitting diodes). Basta applicare una corrente a questi materiali per ottenere luce, mentre una normale lampadina a incandescenza deve prima scaldare un filamento ad alta temperatura, "sprecando" in questa fase una quantità di energia. Non va meglio con le lampade a fluorescenza, che perdono energia nella conversione della luce ultravioletta in luce visibile. È dunque, tutto led quel che luccica? Non proprio: c'è ancora un po' di lavoro da fare affinché l'illuminazione a stato solido raggiunga la luminosità e il colore di quella tradizionale, ma non mancano dei prototipi già in grado di farlo.

29 aprile 2008
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us