Natura

Spiagge d'Italia: che cosa si nasconde sotto la sabbia?

Il punto in cui stendiamo l'asciugamano merita attenzione. Le spiagge italiane hanno storie geologiche molto diverse tra loro. Eccole, dalla Liguria alla Sicilia.

Vacanze al mare. Senza immaginare che, quando andiamo in spiaggia e stendiamo il telo mare sulla sabbia o giochiamo a racchettoni, lo stiamo facendo sopra un pezzo di storia geologica d'Italia. Sotto i nostri piedi – e ombrelloni – ci può infatti essere roccia che svettava sulle Alpi, materiale espulso da antiche eruzioni vulcaniche, pietra dorata scesa dagli Appennini. Già, perché le spiagge della nostra penisola (almeno buona parte di esse, come vedremo) nascono in montagna.

«Sono formate dal materiale eroso all'interno dei bacini idrografici dei fiumi e da questi portato a valle: tutta Italia, dalle Alpi agli Appennini, contribuisce quindi a creare le spiagge italiane. E così come è complessa la geologia della penisola e delle sue montagne, così è differente la composizione delle spiagge», riassume Enzo Pranzini, docente di dinamica e difesa dei litorali all'Università di Firenze e autore del libro Granelli di sabbia.

Veniamo giù dai monti. Un giro d'Italia da spiaggia a spiaggia, oltre che bellissimo, è dunque un vero Grand Tour geologico. Che facciamo con la guida degli esperti. Per ricostruire le "fonti" delle spiagge dobbiamo innanzitutto risalire i fiumi. «Trasportano il materiale proveniente dalle rocce che affiorano nella loro area di alimentazione, sbriciolate dai fenomeni di erosione», spiega Massimo Moretti, docente di Sedimentologia all'Università di Bari e coordinatore del Corso di laurea in Scienze Ambientali di Taranto.

«All'arrivo al mare, entra in gioco un secondo mezzo di trasporto: le correnti. Sono generate dalle onde e portano le sabbie verso terra e verso mare, o anche lungo la costa: in pratica, le onde che non arrivano perfettamente perpendicolari alla costa spostano la sabbia anche parallelamente a essa. Questo processo si chiama deriva litorale, segue i venti dominanti (che generano le onde, ndr) e permette alle sabbie di viaggiare per centinaia di km lungo le coste».

Cominciamo il nostro tour dal Po e dalla parte settentrionale dell'Adriatico. «Il Po trasporta materiali da due catene montuose, Alpi e Appennini settentrionali: i sedimenti portati sono dunque diversi e questa complessità è riflessa nelle spiagge adiacenti il delta del Po», dice Moretti. E continua Enzo Pranzini, «le sabbie grigie del Po – con materiali dalle montagne alpine – dominano nella costa più settentrionale dell'Emilia-Romagna. Ma ogni fiume dà il suo contributo e i flussi di sabbie si mescolano. A Rimini e sulla riviera romagnola i sedimenti provengono dall'Appenino e si muovono verso nord spinti dalle correnti indotte dal moto ondoso.

Nella parte nord dell'Adriatico, ci sono i fiumi (come Brenta o Piave) che veicolano sedimenti dalle Alpi Orientali, per esempio nati dai calcari chiari delle Dolomiti. Pensiamo al Tagliamento, che sfocia e porta materiale alla spiaggia di Lignano Sabbiadoro (UD): un tesoro di sabbia gialla, tanto che, al momento di costituire il nuovo comune nel 1959, al toponimo fu aggiunto l'epiteto "Sabbiadoro" prima usato a scopo promozionale. Le sabbie chiare marchigiane e abruzzesi sono alimentate da materiali erosi sugli Appennini, in zone dove prevalgono i calcari». La spiaggia è insomma una sintesi di rocce: ecco spiegate le differenze di colore tra granelli di arenili diversi o anche di una stessa spiaggia.

Andiamo tra Liguria e Toscana, «tra la foce del Magra (Bocca di Magra, SP) e Livorno. Il Magra, dall'Appennino Tosco-Emiliano, porta al mare anche i sedimenti del Vara: viene dall'Appennino Ligure ed è ricco di materiali scuri e con punte di verde dovute a rocce verdognole come le ofioliti. Le sabbie sono spinte a sud, arrivando a Marina di Pietrasanta (LU) dove incontrano i sedimenti più chiari dell'Arno (che sfocia a Marina di Pisa), che la corrente trasporta a nord e a sud fino a Livorno. Negli spostamenti, i sedimenti si lasciano dietro i granuli più grossi e vengono abrasi: ecco perché nella zona di convergenza di Marina di Pietrasanta si trova la sabbia più fine da Bocca di Magra a Livorno», dice Pranzini.

In bianco o in rosa. Abbiamo parlato del trasporto via fiumi e mare. Prima di continuare il tour, spieghiamo cosa succede... all'arrivo, dove la sabbia si deposita formando la spiaggia. Che è ben più della striscia che frequentiamo in vacanza: la parte emersa è solo una frazione di quella sott'acqua. «Consideriamo spiaggia quell'ambiente che va dalla base delle dune fino alla profondità a cui si risente dell'effetto delle onde, che erodono, trasportano e depositano le sabbie», spiega Moretti. Onde e mareggiate spostano la sabbia, trasportandola verso la costa o verso il largo. Non c'è solo la sabbia, poi. «Esistono spiagge di ghiaia, che si formano spesso nei pressi dei delta dei fiumi», dice Moretti.

E nelle zone con pochi corsi d'acqua? «Un esempio è la Puglia: ci sono solo due fiumi pugliesi capaci di trasportare grandi quantità di sedimenti nel Mare Adriatico: il Fortore, per le zone a nord del Gargano, e l'Ofanto a sud.

Ci sono vaste zone carsiche dove buona parte delle precipitazioni viene inghiottita nella falda profonda senza scorrere in superficie. Nella parte ionica del Salento si creano però le spiagge bioclastiche: sono quelle formate da frammenti di conchiglie e di altri organismi marini, rotti dall'azione delle onde. Sono costituite nella quasi totalità da carbonato di calcio, il componente inorganico di conchiglie e altri resti di animali. È il caso delle spiagge di Porto Cesareo o di Pescoluse in provincia di Lecce», spiega Moretti.

Sabbia del Salento. Il carbonato di calcio è bianco e dà alle sabbie un colore candido. Queste spiagge dipendono in realtà da una pianta: la posidonia, che forma praterie sommerse. «Questi organismi con guscio vivono nel posidonieto e quando muoiono i loro resti finiscono sulla spiaggia con quelli della posidonia. Questa si decompone, i frammenti dei gusci restano. La posidonia quindi è fondamentale per fornire materiale a queste particolari spiagge, oltre a costituire una barriera naturale che limita l'erosione costiera: i suoi resti non andrebbero eliminati dalle spiagge», conclude Moretti. «E comunque in generale nelle spiagge una componente organica c'è sempre».

Analogo è il meccanismo che ha creato una formazione straordinaria: la Spiaggia Rosa dell'isola di Budelli (SS), in Sardegna. È composta da frammenti di gusci di Miniacina miniacea: è un foraminifero, un protozoo che si costruisce un guscio calcareo di colore rosa. Vive sulla posidonia e quando muore arriva sulla costa con i resti della pianta. Sabbie di origine biologica si possono trovare anche nelle pocket beach, le "spiagge a tasca". «Sono quelle limitate da due promontori, sui quali le onde, frangendosi, perdono energia facendo depositare tutti i gusci degli organismi nella baia fra essi compresa», spiega Moretti. «Normalmente, a meno che non siano sede di un fiume, le pocket beach hanno pochi sedimenti terrigeni (provenienti dall'erosione delle rocce più antiche, ndr). Una minima parte viene dall'erosione delle rocce dei promontori stessi. Il resto, come nelle pocket beach della Puglia, proviene dai gusci dei tanti organismi che popolano i fondali marini».

Spiagge sonore. Anche alcuni minerali molto diffusi creano spiagge chiare. «Uno di questi è il quarzo, che è trasparente ed è ben presente nelle nostre spiagge perché molto abbondante nelle rocce. Lo stesso vale per altri minerali chiari come i feldspati. E chiari possono anche essere i sedimenti che vengono dai calcari», riassume Moretti.

A volte i materiali si mescolano. «La spiaggia bianca della Pelosa a Stintino (SS), oltre al quarzo proveniente dai graniti che affiorano nella zona, ha in realtà più del 50% di frammenti di resti di animali», aggiunge Pranzini. Parlando di quarzo, un capolavoro naturale costituito da questo minerale è la spiaggia di Is Arutas (OR). La formano granuli di quarzo, arrotondati dall'erosione fino a formare chicchi bianchi e rosati, con inclusioni di altri colori come il verde. Sempre di granelli di quarzo è la spiaggia di Cala Violina a Scarlino (GR). La sua particolarità non è il colore. «È una spiaggia sonora: quando vi si cammina sopra, stride come un violino. L'abbondanza di quarzo si deve al fatto che è un materiale molto resistente: gli altri, più erodibili, sono stati persi e non rimpiazzati perché la spiaggia viene poco alimentata da nuovo materiale», dice Pranzini. Il quarzo è rimasto, con il suo effetto sonoro.

Dalle spiagge chiare, passiamo però alle scure. Che origine hanno? «Molte sono prodotte da materiali vulcanici, dallo sbriciolarsi per esempio del basalto (una roccia scura di origine vulcanica)», spiega Pranzini. Nascono da materiale vulcanico le spiagge nere delle Eolie, come Sabbie Nere a Vulcano e Ficogrande a Stromboli. L'arcipelago siciliano ha vulcani ancora attivi, ma a volte le sabbie scure rimandano a vulcani lontani ed estinti. Qualche esempio? «I minerali che arrivano nell'Adriatico dal monte Vulture, in Basilicata: sono scuri e hanno una densità maggiore (circa 3,6 g/cm³) rispetto per esempio al quarzo (circa 2,6 g/cm³). Per questo sono trasportati in modo diverso, selettivo, rispetto agli altri minerali: tra Margherita di Savoia (BT) e Otranto (LE), per esempio, formano tipiche lamine nere che si alternano alle sabbie chiare», dice Moretti.

La magnetite nella sabbia. Questi minerali sono per esempio anfiboli e pirosseni, comuni nelle rocce magmatiche, e magnetite: un minerale ferroso con densità ancora maggiore (oltre 5 g/cm³), con le più intense proprietà magnetiche in natura, presente nelle rocce basaltiche. Basta una calamita per attrarre la magnetite dalla sabbia. «Allo stesso modo dagli antichi vulcani del Lazio "scendono" i sedimenti scuri che alimentano le spiagge della regione e arrivano a conquistare parte del litorale toscano», dice Pranzini.


Sfumature di nero. Le sfumature di nero possono essere molte. Una è quella della spiaggia di Terranera all'Isola d'Elba.

«È ricca di minerali di ferro: provengono dal materiale di scarto dall'attività mineraria sull'isola. Se fossero rimasti dentro la montagna, non sarebbero arrivati sulla riva», dice Pranzini. Qui si estraevano magnetite, ematite, pirite, minerali di ferro i cui frammenti ora si trovano nella spiaggia scura e luccicante. Ci sono però anche spiagge scure con origini slegate dai vulcani. «Come la spiaggia nera di Cala Jannita a Maratea (PZ), sulla costa tirrenica della Basilicata: è alimentata da calcari e dolomie nerastre (rocce sedimentarie, ndr) che affiorano nel bacino da cui le acque arrivano alla costa. Non tutti i calcari sono chiari», dice Pranzini.

Nella tavolozza delle sabbie italiane ci sono anche rosso e arancione. «Dove si vedono, è segno che ci sono ossidi di ferro», conclude Pranzini. È arancione la spiaggia di Porto Ferro (SS) in Sardegna, dove il colore è dato dalla presenza di ossidi di ferro nelle arenarie che la alimentano. Il punto in cui stendiamo l'asciugamano, insomma, merita davvero attenzione.

15 agosto 2023 Giovanna Camardo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us