Smithsonian Photo Contest, le foto vincitrici

Ceneri vulcaniche, treni sovraffollati, cani in carrozza e lucciole sincronizzate: le più spettacolari foto di natura e di viaggio premiate dal prestigioso concorso americano.

cenerecane1americascimmiatravelsustainpeoplelucciolemobileApprofondimenti
cenere

La giuria dello Smithsonian Photo Contest, la prestigiosa competizione fotografica organizzata dall'istituto di istruzione e ricerca statunitense, ha finalmente annunciato le foto vincitrici dell'edizione 2015, la 13esima. Ecco i 9 scatti più belli, scelti tra le oltre 46 mila foto che hanno partecipato. Vincitore assoluto è Albert Ivan Damanik, da Medan (Indonesia), che ha gareggiato con questo scatto delle ceneri del vulcano Sinabung viste dal villaggio di Jeraya, Nord Sumatra, il 26 giugno 2015. A una settimana dallo scatto, le autorità hanno evacuato l'area nel raggio di 7 km dal cratere, per ragioni di sicurezza. Le più sorprendenti creazioni vulcaniche

cane1

La foto preferita dai lettori, votata da oltre 40 mila persone, ritrae Claire, il bull terrier della fotografa olandese Alice Van Kempen, nella carrozza di un treno abbandonato. L'immagine è il risultato di una composizione ottenuta con tre diverse immagini.

america

Vincitrice della categoria "The American Experience" è questa foto di una cappella mobile allestita all'interno di un camion a Lodi, in Ohio (USA). Questi angoli di fede itineranti, gestiti da una missione cattolica chiamata Transport For Christ, sono dedicati agli autotrasportatori, in particolare a quelli costretti a lunghi periodi di solitudine dovuti al lavoro o alla mancanza di esso.

scimmia

Prima classificata nella categoria "Natura" è l'immagine di una piccola scimmia infreddolita su una roccia del Jigokudani Monkey Park, nella prefettura di Nagano, in Giappone.

travel

Una delle foto più suggestive, vincitrice della categoria "Viaggio", ritrae l'affollato scompartimento di un treno suburbano di Mumbai, India. Come si può notare, le pendolari sono tutte donne: quasi ogni treno nel Paese ha scompartimenti esclusivamente femminili, un espediente per tentare di prevenire o almeno ridurre le molestie sessuali.

sustain

Una bambina disegna sulla lavagna durante l'intervallo in una scuola per orfani di Likoni, uno dei quartieri più poveri di Mombasa, Kenya. Lo scatto è primo classificato nella categoria "Viaggi sostenibili". Il fotografo, con un mese di lavoro in questo istituto, ha contribuito a finanziarne i lavori.

people

L'italiana Benedetta Ristori si aggiudica il primo posto nella categoria "Persone" con questo scatto realizzato a Tokyo nel gennaio 2015. Scopo della foto e del progetto di cui fa parte è documentare le conseguenze psicofisiche che la "società del lavoro" impone, con ritmi che finiscono per disturbare il normale ciclo sonno-veglia dei lavoratori.

lucciole

Vincitore nella categoria "Foto alterate" è lo statunitense Radim Schreiber, autore di questo scatto che documenta il bagliore sincronizzato delle lucciole all'interno del Great Smoky Mountains National Park, nel Tennessee. L'immagine è stata ottenuta assemblando diversi scatti a lunga esposizione per preservare il dettaglio e la nitidezza delle luci.
Guarda anche le foto dell'uomo che dipinge con le lucciole

mobile

Rosso su rosso. Una ragazza di rosso vestita cammina davanti a una parete rossa di Pechino, Cina. Lo scatto è primo classificato nella categoria "Foto da cellulari". Guarda anche 12 colori "simbolo" e le loro storie

La giuria dello Smithsonian Photo Contest, la prestigiosa competizione fotografica organizzata dall'istituto di istruzione e ricerca statunitense, ha finalmente annunciato le foto vincitrici dell'edizione 2015, la 13esima. Ecco i 9 scatti più belli, scelti tra le oltre 46 mila foto che hanno partecipato. Vincitore assoluto è Albert Ivan Damanik, da Medan (Indonesia), che ha gareggiato con questo scatto delle ceneri del vulcano Sinabung viste dal villaggio di Jeraya, Nord Sumatra, il 26 giugno 2015. A una settimana dallo scatto, le autorità hanno evacuato l'area nel raggio di 7 km dal cratere, per ragioni di sicurezza. Le più sorprendenti creazioni vulcaniche