Natura

Scoperta a Panama una foresta pietrificata di 23 milioni di anni

Frammenti di legno fossilizzati rinvenuti sull'isola di Barro Colorado, a Panama, rivelano che un'eruzione vulcanica seppellì una foresta di mangrovie alte fino a 40 metri.

Un'immensa e rigogliosa foresta punteggiata di mangrovie alte dai 20 ai 40 metri. È così che doveva apparire l'attuale territorio di Panama, prima che la selva venisse seppellita da una disastrosa colata lavica intorno a 20 milioni di anni fa. A scoprirlo sono stati gli scienziati dello Smithsonian Tropical Research Institute, sulla base dei fossili ritrovati sull'isola panamense di Barro Colorado, gestita dal 1946 dal rinomato istituto statunitense. 

Specie estinta. Situato nel lago artificiale di Gatun, questo pezzo di terra si estende per 15.6 km2 ed è coperto da una lussureggiante vegetazione. Il suo particolare status giuridico lo ha reso uno dei luoghi più studiati al mondo da naturalisti e geologi, che nel tempo hanno potuto indagare le caratteristiche della sua flora e fauna. Nel loro studio, pubblicato sulla rivista Palaeogeography, Palaeoclimatology, Palaeoecology, oltre a più di 100 frammenti di legno fossilizzati, i ricercatori hanno raccolto anche campioni di sedimenti rinvenuti nell'isola in varie spedizioni geologiche degli ultimi anni. Analizzando i reperti, è venuto fuori che gran parte dei fossili provenivano da una specie di mangrovia ormai estinta ribattezzata Sonneratioxylon barrocoloradoensis e molto simile alle mangrovie della famiglia Sonneratia, originarie del sud est asiatico.

Alberi Pietrificati. La datazione dei fossili ha dimostrato che gli alberi in questione avevano circa 22 milioni di anni, risalendo all'era geologica del Miocene. I sedimenti esaminati, invece, provenivano da un lahar, ossia da una colata di fango e roccia, simile per molti aspetti al cemento, che in genere si forma quando l'acqua scorre giù da una montagna dopo un'eruzione vulcanica. Sulla base di tali evidenze, gli esperti hanno ipotizzato che una catastrofica eruzione vulcanica ricoprì l'isola di fango e rocce, travolgendo anche le mangrovie situate sulle sue coste. A causa dell'elevata velocità con cui gli alberi furono coperti dalla lava, nonché della presenza di grandi quantità di silice nell'acqua del lahar, in grado di favorire il processo di pietrificazione, il suo perimetro si trasformò in una foresta indurita, di cui la maggior parte è ancora oggi sepolta. Nel dettaglio, tale macchia delimitava una stretta penisola che collegava l'attuale Panama centrale al Nord America prima che si formasse l'istmo di Panama. 

Mangrovie Più alte. Studi precedenti avevano dimostrato che tutto ciò avvenne intorno a un milione di anni dopo la formazione di Barro Colorado, che nacque circa 23 milioni di anni fa, quando le placche sudamericana e caraibica si scontrarono spingendo verso l'alto parti di quella che oggi è l'America Centrale, facendo così emergere l'isola dall'oceano.

Quanto all'altezza raggiunta all'epoca dalle mangrovie, era molto superiore a quella di simili specie moderne. In ogni caso, probabilmente, esse svilupparono le stesse strategie di sopravvivenza, preferendo le acque salmastre dei bacini acquitrinosi alle acque oceaniche altamente saline.

31 gennaio 2024 Massimo Manzo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us