Scatti di fuoco II

200337223139_8200337223212_8200337223239_8200337223338_8200337223431_8200337223516_8200337223532_8200337223630_820033722370_8200337223732_8200337223759_8200337223825_820033722392_8200337223957_8reu_rtr2pypc_webApprofondimenti
200337223139_8

La seconda parte (Clicca qui per vedere la prima) della fotogallery dedicata ai vulcani di tutto il mondo. È un piccolo assaggio dalla mostra "Vulcani" che aprirà il 28 marzo 2003 al Museo di Storia naturale di Milano.

Il Santa Maria è un enorme vulcano in Guatemala. Nel 1902, dopo almeno 500 anni di tranquillità, esplose provocando almeno 5000 morti. Le ceneri oscurarono il cielo del Guatemala per alcune settimane e furono trovate perfino a San Francisco. Vent'anni dopo, un'altra eruzione creò un secondo cono chiamato Santiaguito.

200337223212_8

Nel buio della notte, la lava dell'Etna si raffredda. Questo tipo di lava, chiamata tecnicamente AA, è leggermente più fluida di quella tipica del vulcano italiano e tende a raffreddarsi più rapidamente.

200337223239_8

Sono le 5 del mattino nella foresta tropicale alle faglie dell'Arenal. Si trova in un'oasi di rara bellezza in Costa Rica ed è meta di un gran numero di visitatori attratti anche dalle terme e dalla laguna che si trovano ai piedi del vulcano. La sua attività è continua, ma tranquilla con frequenti piccole emissioni esplosive.

200337223338_8

In Costa Rica, nel cuore di un parco naturale ricoperto di foresta tropicale spicca l'Arenal, con i suoi 1500 metri di altezza. Il vulcano è sempre stato molto attivo negli ultimi 30 anni.

200337223431_8

All'interno del cratere principale dell'Irazu, il più alto vulcano del Costa Rica con i suoi 3400 metri, si è creato un lago naturale. Le acque verdi sono popolate soltanto da microalghe che riescono a sopravvivere in un ambiente acido.

200337223516_8

Meglio diffidare delle apparenze graziose del lago che si trova sulla cima del Rincón de la Vieja in Costa Rica. Le sue acque sono acide ed esalano gas tossici.
Il nome Rincón de la Vieja significa angolo della vecchia e ha un'origine antichissima. Racconta la leggenda che una principessa di nome Curabanda si era innamorata del capo di una tribù nemica. Quando il padre della principessa scopri l'amore segreto, catturò il giovane guerriero e lo fece buttare nel cratere. Curabanda, disperata, si ritirò sul vulcano dove partorì un bambino. Per farlo stare sempre con il padre, lo gettò nel vulcano e visse nascosta lassù fino alla morte.

200337223532_8

Anche se eruttano soltanto acqua, i geyser sono veri vulcani che sbuffano vapore. Il fenomeno dei geyser è visibile soltanto in quattro luoghi del pianeta: Islanda, Stati Uniti, isole Azzorre e nell’area del Taupo, in Nuova Zelanda. Nella foto, ecco come appare un geyser islandese in una fase di riposo.

200337223630_8

Questa fotografia è stata scattata alle cinque del mattino sull'Etna durante l'eruzione del marzo 1999. S'intravede sullo sfondo il cratere attivo di nord-est, e in primo piano, uno sky-light, una spaccatura della crosta basaltica, al di sotto della quale scorre lava incandescente.

20033722370_8

Una colata lavica sulle pendici etnee. Per tenere sotto controllo l’attività dei vulcani
gli studiosi prelevano campioni di gas tossici e si espongono a temperature di centinaia di gradi.

200337223732_8

Lo chiamano il Gigante nero per la stazza (supera i 5000 metri di altezza e il suo cratere di 183 metri di diametro è spesso ricoperto di neve) e per il colore delle sue rocce basaltiche. Ma il nome Tungurahua nella lingua degli Indios vuol dire "gola di fuoco".
Durante l'attività del 1999, quando fu scattata questa foto, le frequenti esplosioni di cenere e altro materiale incandescente, hanno creato una colonna di gas alta 7 km. Ogni giorno circa 25 mila tonnellate di cenere piovevano dal cielo.

200337223759_8

Una eruzione stromboliana del vulcano Arenal in Costa Rica. Nei periodi di attività le esplosioni, piccole e continue, si susseguono con regolarità ogni tre ore.

200337223825_8

L'enorme nube che ha raggiunto i 2000 metri di altitudine causata dalla eruzione del Santa Maria e Santaguito in Guatemala.

20033722392_8

La prima fase dell’eruzione di un “geysir” in Islanda. La parola islandese geysir significa “eruzione intermittente”, “getto” o anche “furore”. Poi è stata poi trasformata nell’inglese “geyser”.

200337223957_8

La bocca del vulcano Villarrica in Cile si apre con un cratere di 400 metri di diametro quasi sempre imbiancato dalla neve. Per salire sulla cima occorrono circa 8 ore di cammino a piedi. Ma una volta giunti, si può provare l'ebrezza di scendere dal vulcano con gli sci (sul pendio orientale vi sono anche alcuni impianti di risalita che però non giungono fino alla cima), come hanno fatto gli audaci visitatori che si notano a sinistra nella foto.

reu_rtr2pypc_web

Sono a pochi metri dalle fumate vulcaniche, nella caldera del Monte Bromo (a 2329 metri sopra il livello del mare, in Indonesia) ma questi devoti non sembrano particolarmente interessati a salvarsi la pelle. Le loro attenzioni si concentrano su un pennuto, un pollo ancora vivo, portato vicino al cratere come offerta alle divinità della montagna. Siamo nel pieno delle celebrazioni della festività induista dello Yadnya Kasada, ad agosto, quando alcune popolazioni della provincia di Giava recano al vulcano ogni bene in loro possesso, frutta, riso, verdura, fiori e animali d'allevamento in un rito pericolosissimo - il vulcano è attivo - che si pensa possa recare buona sorte e prosperità.
Le foto delle più spettacolari eruzioni vulcaniche
Gli scatti che documentano il risveglio del vulcano cileno Puyehue-Cordón Caulle

La seconda parte (Clicca qui per vedere la prima) della fotogallery dedicata ai vulcani di tutto il mondo. È un piccolo assaggio dalla mostra "Vulcani" che aprirà il 28 marzo 2003 al Museo di Storia naturale di Milano.

Il Santa Maria è un enorme vulcano in Guatemala. Nel 1902, dopo almeno 500 anni di tranquillità, esplose provocando almeno 5000 morti. Le ceneri oscurarono il cielo del Guatemala per alcune settimane e furono trovate perfino a San Francisco. Vent'anni dopo, un'altra eruzione creò un secondo cono chiamato Santiaguito.