Natura

Rischio elevato per un altro sisma in Nepal

L’energia scaricata dal sisma del 25 aprile è solo una parte di quella ancora trattenuta nella faglia.

Generalmente, quando si verifica un terremoto molto violento, prima che una faglia torni a essere pericolosa passano tempi relativamente lunghi - almeno in termini umani. Si parla di secoli, o anche di millenni.

Ma il violento sisma che ha colpito il Nepal il 25 aprile 2015 non ha scaricato l’energia che si è accumulata in quell’area del pianeta nei secoli precedenti: la porzione occidentale della faglia (la frattura che muovendosi ha dato origine al sisma) è ancora carica. L'energia meccanica della faglia potrebbe ancora causare violenti terremoti, forse anche di magnitudo 8.5, ossia circa 30 volte superiore a quello dell’ultimo sisma, che fu di magnitudo 7.8.

Questa è, in sintesi, la conclusione di due ricerche - pubblicate sulle riviste scientifiche Nature Geoscience e Science - coordinate da Jean-Philippe Avouac (università di Cambridge) e John Galetzka, del consorzio Unavco, specializzato nella Geodesia.

Le linee rosse indicano le grandi faglie dove le zolle della Terra si scontrano. © SPL

Potrà superare magnitudo 8. Il punto più pericoloso dell’area nepalese, quello che potrebbe essere colpito dal prossimo sisma, si trova a ovest della capitale, Katmandu. In quell’area, dove in tempi remoti ci sono stati diversi sismi, sono ora quasi 500 anni che l’energia che si accumula lungo la fascia non si scarica. E ciò rende particolarmente drammatica la situazione perché, stando alle ricerche, se quell’energia si liberasse in una sola volta si potrebbe avere un sisma con magnitudo superiore all’8.

Le due ricerche mettono in luce un altro elemento del sisma recente (25 aprile): nonostante la violenza e le 9.000 vittime, non può essere considerato "particolarmente distruttivo". Ciò risulterebbe dal fatto che il terremoto non ha prodotto onde ad alta frequenza, le più distruttrici: secondo alcune stime, se ciò fosse avvenuto il sisma avrebbe potuto causare anche 400.000 vittime.

28 agosto 2015 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita straordinaria di Rita Levi-Montalcini, l'unica scienziata italiana premiata con il Nobel: dall'infanzia dorata alle leggi razziali, dagli studi in America ai legami con una famiglia molto unita, colta e piena di talenti. E ancora: l'impresa in Antartide di Ernest Shackleton; i referendum che hanno cambiato il corso della Storia; le prime case popolari del quartiere Fuggerei, ad Augusta; il mito, controverso, di Federico Barbarossa.

ABBONATI A 29,90€

Tutto quello che la scienza ha scoperto sui buchi neri: fino a 50 anni fa si dubitava della loro esistenza, ora se ne contano miliardi di miliardi. Inoltre, come funziona la nostra memoria; l'innovativa tecnica per far tornare a camminare le persone paraplegiche; la teconoguerra in Ucraina: quali sono le armi tecnologiche usate.

ABBONATI A 31,90€
Follow us