Natura

Quanti tipi di temporale esistono?

Anche se i temporali si manifestano con medesime caratteristiche – imponenti cumulonembi e fulmini talvolta accompagnati da pioggia e vento –, in realtà non sono tutti uguali. Un primo tipo di temporale è definito a “cella singola”. È prodotto da un solo cumulonembo. La previsione di questo temporale è difficile perché può nascere ovunque e in maniera disorganizzata. Generalmente non dura più di una mezz’ora. Un altro tipo è quello a “grappolo di multicelle”: una cella genera altre celle dando vita a una serie di torri di nubi che possono crescere davanti o dietro.
(Apriti cielo! Le foto di fulmini più belle dalla community - Mi è sembrato di vedere un fulmine! Il mistero dei fulmini globulari)

Mini ciclone
Un terzo tipo di temporale è quello a “linea di multi celle”. Come dice il nome si tratta di un insieme di celle singole che si spostano in una medesima direzione e che interagiscono tra loro. Questa situazione dà origine a sempre nuove celle e il temporale può durare ore. Esiste anche la possibilità che si formi un ulteriore tipo di temporale, definito “supercella”. Si tratta di un sistema di correnti ascendenti e discendenti su vasta scala che produce quello che viene definito mesociclone: un ciclone in miniatura, con un diametro di alcune decine di chilometri.
(Slideshow: le nuvole più spettacolari - L'incredibile video di un temporale su Toronto, con i fulmini in slow motion)

Ti potrebbe anche interessare
Come da un temporale si può creare antimateria

26 aprile 2012
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us