Speciale
Domande e Risposte
Natura

Perché bisogna piantare più alberi in città?

Gli alberi sono indispensabili per la vita sulla Terra. Ecco 12 buoni motivi che spiegano perché dovremmo averne di più anche nei centri urbani.

Le città verdi sono il sogno di tutti. I parchi non bastano: ci vogliono viali alberati, giardini dove far giocare i bambini, piccoli orti urbani, piante nei terrazzi e nei balconi. I motivi per i quali gli alberi in città sono importanti sono tanti: riassumiamoli in 12 punti.

1 - Assorbono carbonio. Oltre a donare ossigeno, ogni albero funziona da accumulatore di carbonio, essendo in grado, in un solo anno, di assorbire decine di chilogrammi di anidride carbonica (CO2), contribuendo così a ridurre il famigerato "effetto serra".

2 - Riducono l'inquinamento. Le fronde degli alberi costituiscono un prezioso filtro per il particolato fine (le "polveri sottili"), le cui particelle, derivate per lo più dai motori a scoppio, dal riscaldamento domestico e dagli scarichi industriali, sono estremamente dannose per la nostra salute.

3 - Producono ossigeno. Gli alberi sono essenziali per la produzione di ossigeno (per effetto della fotosintesi clorofilliana), elemento fondamentale per la nostra esistenza. In una sola stagione, un albero può produrre abbastanza ossigeno da soddisfare il "fabbisogno" di dieci persone.

4 - Proteggono il suolo. Il reticolato formato dalle radici degli alberi è prezioso per rendere più stabili i terreni, limitando di conseguenza il rischio di eventi franosi e mitigando gli effetti di alluvioni e allagamenti. In altre parole, la presenza degli alberi abbassa notevolmente il rischio di dissesti idrogeologici.

5 - Ospitano diverse specie animali. Gli alberi costituiscono l'habitat ideale per numerosi animali, divenendo in particolare un prezioso rifugio per i molti uccelli che popolano le nostre città.

6 - Valorizzano gli immobili. Grazie alle loro molteplici proprietà e alla loro bellezza, gli alberi valorizzano i palazzi vicino ai quali crescono: a parità di caratteristiche, risulta "più vendibile" uno stabile attorniato da fronde verdi piuttosto che uno circondato dal solo cemento.

7 - Aiutano la nostra psiche. È ormai accertato che gli alberi aiutano la nostra psiche a rilassarsi, riducendo con la loro presenza i livelli di cortisolo, ormone che contribuisce ad aumentare le sensazioni di ansia e di stress. Anche perché l'attività fisica è stimolata: andare in bicicletta o praticare running in mezzo al al verde è sicuramente meglio.

8 - Proteggono dai rumori. Con le loro fronde, gli alberi riescono ad attutire una buona parte dei caotici rumori che affliggono quotidianamente le nostre metropoli e che risultano tra le cause più importanti di stress per i cittadini.

9 - Rappresentano una memoria storica. Al di là dei benefici biologici, gli alberi costituiscono da sempre anche una preziosa "memoria storica".

Molte specie vivono infatti per centinaia di anni, divenendo parte integrante del paesaggio (e facendo spesso da sfondo a importanti eventi storici). Lo studio dei loro fusti può rivelare preziose informazioni sul passato.

10 - Stimolano lo sviluppo dei bambini. Gli alberi, dicono gli psicologi, contribuiscono ad aumentare la creatività nei bambini, e possono divenire all'occorrenza anche luogo di giochi. Non solo: la loro capacità di resistere alle avversità e di adattarsi a condizioni spesso ostili costituisce una sorta di esempio morale, utile anche ai più grandi.

11 - Fanno risparmiare energia. Grazie alla loro capacità di rinfrescare l'aria, gli alberi, soprattutto se posizionati in prossimità di edifici, consentono di ridurre il consumo di aria condizionata, in taluni casi anche del 30%, con conseguente risparmio energetico ed economico.

12 - Puliscono l'acqua. Tra le virtù degli alberi vi è la capacità di purificare le acque piovane, trattenendo idrocarburi, metalli pesanti e molti composti organici nocivi. La loro presenza assicura quindi una migliore qualità dei terreni e delle falde acquifere.

16 marzo 2022 Matteo Liberti
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us