Natura

Pando, uno dei più grandi organismi del Pianeta, sta scomparendo a causa dell'uomo

Nel cuore dello Utah c'è una foresta di migliaia di pioppi identici che si autoclonano da 80 mila anni. Non siamo riusciti a difenderla, e da qualche tempo è in ritirata.

Si chiama Pando, dal latino "mi espando", "mi estendo": è un bosco di 47 mila pioppi tremuli americani (Populus tremuloides) geneticamente identici, un unico organismo vivente connesso da un sistema di radici sotterraneo. Abita nella foresta nazionale di Fishlake, nello Utah, da circa 80 mila anni, ed è uno degli organismi più massicci esistenti in Natura: il suo peso stimato è di circa 5,9 milioni di chili.

Pando si sviluppa su circa 43 ettari di foresta (0,43 chilometri quadrati): non quanto il colossale fungo dell'Oregon che detiene il primato di più grande organismo vivente, ma comunque per un'estesa porzione di territorio. Da tre o quattro decenni, però, a dispetto del suo nome, Pando ha smesso di espandersi, e la colpa, guarda caso, sembra essere nostra.

Corsa arrestata. A monitorare per la prima volta lo stato di salute della creatura in un articolo su PLOS One sono stati due scienziati del Wildland Resources Department and Ecology Center presso l'Università Statale dello Utah. In base al nuovo studio basato su 72 anni di fotografie aeree, la foresta di cloni ha smesso di autoriprodursi dagli anni '70, principalmente perché l'uomo ha permesso ai suoi naturali predatori di moltiplicarsi indisturbati nell'area che occupa.

Pando, o Trembling Giant ("Gigante tremante", per il movimento delle foglie quando tira il vento) segue quella che gli esperti definiscono propagazione clonale. Quando un tratto di radice ha raggiunto una certa distanza dagli altri, sviluppa strutture chiamate polloni che diverranno i nuclei di nuovi alberi, geneticamente identici all'originale. La mancata diversità genetica viene compensata con la riproduzione ininterrotta, che garantisce un continuo ricambio generazionale tra alberi vecchi e nuovi. Ed è qui che il meccanismo sembra essersi inceppato: i pioppi vecchi muoiono, ma non sembra ci siano nuove generazioni a rimpiazzarli. Se stessimo parlando di una comunità umana, ci troveremmo davanti a 47 mila 85enni.

Una sequenza di immagini aeree della foresta di Pando ne segue l'evoluzione nei decenni: l'area in giallo definisce i confini. © Rogers & McAvoy/PLOS One

Scorpacciate di cloni. Le recinzioni inadeguate o l'assenza di esse favoriscono la diffusione del cervo mulo (Odocoileus hemionus) e di altri ungulati abituati alla presenza dell'uomo. I cervi sono ghiotti delle parti più giovani dei pioppi, e gli animali da pascolo lasciati circolare in quest'area nei periodi estivi completano l'opera di devastazione. Le restrizioni sulla caccia nell'area sono arrivate in ritardo, dopo che l'uomo aveva già ucciso i predatori naturali degli erbivori, come orsi e lupi. Così i cervi attratti dalla presenza dell'uomo e dall'abbondanza di cibo e rifiuti possono brucare indisturbati.

La vicinanza di strade, campeggi e linee telefoniche contribuisce alla deforestazione. Non tutto però è perduto: le immagini aeree mostrano che le aree protette da recinzioni adeguate hanno incoraggiato l'espansione di Pando anche di qualche metro in pochi anni.

La diffusione di barriere, il contenimento dei cervi e un maggiore impegno nella tutela della biodiversità potrebbero fare di questa zona un simbolo della connessione tra uomo e natura.

21 ottobre 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia torna con un nuovo numero ricco di approfondimenti appassionanti. Questo mese, uno speciale dedicato al fallito attentato a Hitler del 20 luglio 1944. Scopri come Claus von Stauffenberg pianificò l'Operazione Valchiria, la spietata rappresaglia che ne seguì e gli incredibili colpi di fortuna che salvarono il Führer da 40 attentati.

Esaminiamo anche come Stalin riuscì a sopravvivere ai numerosi tentativi di eliminarlo e i rischi corsi da Mussolini.

Esploriamo poi le grandi imprese come la conquista del K2, la spedizione che scalò la seconda cima più alta del mondo e la storia delle crociere con “E il navigar m’è dolce”, tra balli, sport, cibo e divertimento.

Raccontiamo la Grande Guerra attraverso le cartoline dell’epoca e vi diamo un'anteprima di una bella mostra a Buckingham Palace con le foto private dei reali.

Approfondiamo la storia del servizio di leva e delle Olimpiadi antiche, e rivivi l'epoca d'oro della televisione italiana con Corrado.

Non perdere questo numero di Focus Storia!

ABBONATI A 29,90€

Focus torna con un nuovo numero ricco di spunti e approfondimenti. Questo mese, ci immergeremo nel complesso mondo delle relazioni amorose, esplorando le basi scientifiche che le rendono durature e felici.

Cosa rende un amore duraturo? Quali sono i segreti delle coppie che superano le sfide del tempo? Focus risponde a queste domande svelando i meccanismi ormonali e fisiologici dei legami più solidi. Scopri il tuo profilo di coppia con un test utile e divertente per comprendere meglio la tua relazione.

Esploriamo anche il mondo della scienza e della tecnologia, dall'internet quantistica all'atomtronica, celebriamo il centenario dei planetari e scopriamo i segreti dell'alpinismo estremo.

Non perdere questo numero di Focus: conoscenza, passione e scoperta ti aspettano in ogni pagina!

ABBONATI A 31,90€
Follow us