Natura

Ossigeno: quali alberi ne producono di più?

Non tutti gli alberi emettono la stessa quantità di ossigeno: ne producono di più i pini o gli abeti? Le querce o i faggi? Per scoprirlo bisogna guardare a un indicatore specifico.

La fotosintesi clorofilliana è uno dei processi più affascinanti che avvengono in natura, un equilibrio perfetto tra le esigenze di umani e flora: ciò che noi scartiamo (l'anidride carbonica) serve alle piante per sopravvivere e prosperare; allo stesso modo ciò che le piante scartano (l'ossigeno) serve agli umani per sopravvivere e prosperare.

Ma le piante producono tutte la stessa quantità di ossigeno? La risposta è no, e quanto ne espirano dipende da un principale fattore: l'indice di area fogliare (Leaf Area Index, LAI), ovvero la misura della superficie fogliare per unità di superficie del suolo. Più alto è il LAI, maggiore sarà l'ossigeno prodotto da una pianta.

Grandi e sempreverdi. Tra le piante con il LAI più alto, che emettono dunque più ossigeno, vi sono gli abeti, gli aceri, i faggi e gli abeti rossi; i meno ossigenanti sono invece i pini; a metà strada, querce e pioppi. Diversi fattori incidono sul LAI, come la grandezza dell'albero, il fatto che abbia molte foglie o che sia o meno sempreverde.

La quantità di ossigeno emesso dagli alberi dipende spesso dalla stagione in cui ci troviamo, poiché molte piante in autunno perdono le foglie e dunque producono ossigeno solo in primavera e in estate. Inoltre, sempre per gli stessi motivi, le piante mature e sviluppate emettono più ossigeno rispetto a quelle appena piantate.

Diamo i numeri. Secondo l'Independent, un albero maturo di faggio produce in un anno l'ossigeno sufficiente per far respirare fino a dieci persone.

Un altro studio sottolinea che un albero (la tipologia non viene specificata) emette mediamente quasi 118.000 kg di ossigeno l'anno: considerando che un umano respira circa 9,5 tonnellate di aria all'anno ma consuma circa 740 kg di ossigeno, ne consegue che ognuno di noi avrebbe bisogno di sette o otto alberi l'anno per respirare.

1 gennaio 2023 Chiara Guzzonato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Settant’anni fa agli italiani arrivò un regalo inaspettato: la televisione. Quell’apparecchio – che pochi potevano comprare e quindi si vedeva tutti insieme – portò con sè altri doni: una lingua in comune, l’intrattenimento garantito, le informazioni da tutto il mondo. Una vera rivoluzione culturale e sociale di cui la Rai fu indiscussa protagonista. E ancora: i primi passi della Nato; i gemelli nel mito e nella società; la vita travagliata, e la morte misteriosa, di Andrea Palladio; quando, come e perché è nato il razzismo; la routine di bellezza delle antiche romane.

ABBONATI A 29,90€

I gemelli digitali della Terra serviranno a simularne il futuro indicando gli interventi più adatti per prevenirne i rischi ambientali. E ancora, le due facce dell’aggressività nella storia dell’evoluzione umana; com’è la vita di una persona che soffre di balbuzie; tutti gli strumenti che usiamo per ascoltare le invisibili onde gravitazionali che vengono dall’alba dell’universo; le pillole intelligenti" che dispensano farmaci e monitorano la salute del corpo.

ABBONATI A 31,90€
Follow us