Focus

Ogni anno ai tropici cadono più di 100 milioni di fulmini

Le zone tropicali vengono bombardate da milioni di fulmini ogni anno, con effetti devastanti sulle foreste.

Fulmini
Una tempesta di fulmini | Triff / Shutterstock

È ormai accertato i fulmini siano un pericolo per la sopravvivenza della foresta tropicale, e potrebbero diventare un problema enorme nei prossimi anni con l'aumento delle temperature e della frequenza di eventi atmosferici estremi.

 

A riguardo è stato pubblicato su Global Change Biology uno studio che ha provato a quantificare questo effetto, e a calcolare quanti fulmini colpiscano ogni anno le zone tropicali del nostro pianeta, per scoprire quanto sia alto il rischio per le foreste. Bene (male), i risultati non sono rassicuranti.

Colpo di fulmine. Studiare i fulmini non è semplice, per motivi piuttosto evidenti, ed è per questo che il loro effetto sulla salute delle foreste è sempre stato sottovalutato o direttamente ignorato in favore di altri fenomeni più "comodi" come gli incendi e la siccità. Evan Gora dello Smithsonian Tropical Research Institute, il primo autore del nuovo studio, è un pioniere nel campo: negli anni scorsi ha scoperto per esempio che a Panama metà degli alberi di grandi dimensioni muoiono a causa dei fulmini. Nel loro nuovo lavoro, Gora e il suo team hanno allargato il campo d'indagine all'intera fascia dei Tropici, e hanno collaborato con due esperti di fulmini dell'università di Huntsville, in Alabama, per farsi aiutare nel monitoraggio.

 

5 alberi l'anno. I risultati sono impressionanti: secondo i loro calcoli, ogni anno le zone tropicali vengono colpite da più di 100 milioni di fulmini, e un singolo fulmine danneggia in media 23 alberi e ne uccide 5 ogni anno. In totale, si legge nello studio, 832 milioni di alberi tropicali vengono danneggiati da fulmini ogni anno, e un quarto di questi muoiono a causa delle ferite.

 

Gora e il suo team hanno anche scoperto che i fulmini sono più frequenti nelle aree forestali che nelle praterie, e che nelle foreste più colpite dai fulmini c'è una più bassa concentrazione di alberi di grandi dimensioni per ettaro. I prossimi studi di Gora si concentreranno sulle aree urbane: con l'aumento delle temperature e dei fenomeni atmosferici estremi, quali saranno le conseguenze sulla vegetazione urbana?

11 agosto 2020 | Gabriele Ferrari