Natura

Obiettivo Europa 2020

Sostenibilità energetica: uno studio tedesco fa il punto sulla situazione di 24 Paesi. Come sta l'Italia?

Lo studio comparativo internazione New Impulses for the Energy Revolution condotto da Handelsblatt Research Institute e General Electric sulle politiche energetiche di 24 Paesi mette in rilievo come l'Italia sia in "buona posizione" per un buon numero degli indicatori utilizzati e sulla strada giusta per rispettare gli obiettivi della strategia Europa 2020.

20-20-20... Tra gli obiettivi primari stabiliti per l'Europa del 2020, il tema "energia/cambiamenti climatici" prevede il 20% di riduzione di gas serra (rispetto alle emissioni del 1990), il 20% del fabbisogno energetico ricavato da fonti rinnovabili, il 20% di aumento dell'efficienza energetica.

Su questi indirizzi lo studio fa il punto della situazione per 24 Paesi membri dei "patti" BRICS (Brasile, Russia, India, Cina, Sudafrica) e OCSE (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, cui ci si riferisce anche con l'acronimo OECD), tra i quali 12 Stati membri dell'Unione Europea, Italia inclusa.

Il nostro Paese si posiziona terzo nella graduatoria dinamica (i progressi compiuti negli ultimi cinque anni) e nono per rendimento complessivo a causa dell'alta dipendenza dai combustibili fossili. I macroindicatori considerati dallo studio sono la sostenibilità ambientale (riduzione del consumo energetico e delle emissioni di CO2 nei trasporti, nelle abitazioni, nelle aziende e nella produzione di energia; aumento della quota di energie rinnovabili), la sicurezza della fornitura (fornitura energetica sufficiente e affidabile a livello nazionale e internazionale) e la fattibilità economica (accessibilità dell'energia alle aziende e ai privati).

5 giugno 2014 Raymond Zreick
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us