Nubi d'argento

Tanto belle nel loro colore madreperla quanto rarissime da osservare. Sono le cosiddette nubi nottilucenti, nuvole causate da condizioni climatiche estreme (si formano a temperature inferiori ai –...

95e
Nubi d'argento
Tanto belle nel loro colore madreperla quanto rarissime da osservare. Sono le cosiddette nubi nottilucenti, nuvole causate da condizioni climatiche estreme (si formano a temperature inferiori ai – 80 ° C), come l’aria in risalita sulle montagne dell’Antartide durante l’inverno. E proprio in questa occasione sono state osservate e fotografate dai ricercatori dell'Australian Antarctic Division.
Nelle vicinanze delle nuvole – a circa 20 chilometri di altezza — la temperatura era di —87°C. «La più bassa mai registrata sulla Terra» secondo Renae Baker, la meteorologa che ha scattato le foto.
Per osservarle occorre essere nella parte giusta del mondo in inverno e avere il sole appena sotto l’orizzonte al tramonto quando la luce che sta svanendo passa attraverso sottili cristalli di ghiaccio sospesi nell'aria e spira una raffica di forti venti di aria stratosferica. 
Le nubi nottilucenti testimoniano i cambiamenti a livello chimico che stanno consumando l'ozono della stratosfera.

Foto: © Renae Baker
10 Agosto 2006 | Anita Rubini