Natura selvaggia e meravigliosa

Giunto ormai alla 48esima edizione, l'Oscar della fotografia naturalistica non delude mai: anche quest'anno gli scatti premiati lasciano senza fiato. Sono moltissime le foto - professioniste e amatoriali - che meriterebbero uno sguardo ma pubblichiamo ora una selezione delle più suggestive e apprezzate all'interno del prestigioso concorso organizzato dal Natural History Museum di Londra e da BBC Wildlife. Da oggi le immagini premiate saranno in mostra presso il museo londinese (acquista i biglietti online).

Veolia Environnement Wildlife Photographer of the Year è proprietà di Natural History Museum e BBC Worldwide. © 2012 The Natural History Museum e BBC.

Ha ancorato i piedi nel ghiaccio del Mare di Ross, in Antartide, ed è rimasto ad aspettare. Poco dopo, con le dita quasi congelate, il fotografo canadese Paul Nicklen
ha realizzato lo scatto che gli è valso la vittoria. Una colonia di pinguini imperatore (Aptenodytes forsteri) nuota immersa in un mare di bollicine, puntando decisa verso l'unico buco creato dai ghiacci. La luce del sole filtra attraverso il foro, illuminando gli uccelli che portano, nel becco, piccoli pesci da dare in pasto ai pulcini. «È stato un momento fantastico» ha raccontato l'autore «un momento in cui mi sono sentito incredibilmente fortunato di poter assistere a questo spettacolo».

Divertenti, buffi e rubacuori: tutte le più belle foto di pinguini

Sulle prime potrebbe sembrare una comune foto di rapace, in questo caso, un nibbio reale (Milvus milvus). Ma aguzzando la vista si nota il dettaglio che fa la differenza: la sagoma di un aereo che passa sullo sfondo. Lo scatto realizzato da un giovanissimo fotografo, il teenager britannico Owen Hearn, ha vinto il primo posto nella categoria "Young Wildlife Photographer". La foto ha anche una forte valenza simbolica: è stata infatti scattata nella contea del Bedfordshire, scelta negli anni Sessanta come sito per costruire il terzo aeroporto di Londra. Il progetto sfumò e solo grazie a questo i nibbi reali, che all'epoca rischiavano l'estinzione, godono oggi di buona salute.

Video: in volo con i rapaci più veloci del mondo

Dieci anni spesi a fotografare la fauna del Serengeti, in Tanzania, regalano l'esperienza necessaria a cogliere il momento giusto per scattare. Così quando il francese Grégoire Bouguere ha visto una femmina di ghepardo (Acinonyx jubatus) atterrare, ma non uccidere, una gazzella di Thomson (Eudorcas thomsoni), ha subito capito quello che stava per succedere. L'animale si è fatto da parte e ha lasciato che i suoi cuccioli vedessero la preda. Mentre la gazzella era sdraiata a terra, i baby ghepardi l'hanno ignorata, ma appena la poveretta ha provato a rialzarsi i cuccioli, a turno, l'hanno costretta a tornare al suolo. Una lezione d'istinto per futuri cacciatori. Vincitore nella categoria dedicata al comportamento dei mammiferi.

Cuccioli, la carica dei 101 (vai alle foto)

Come fa il ghepardo ad essere così veloce?

Dalla sua barca presso le Isole Svalbard, tra la Norvegia e il Polo Nord, la fotografa britannica Anna Henly ha immortalato la drammatica camminata di un orso bianco (Ursus maritimus) sui pezzi di ghiaccio sciolti e sottili. Erano le quattro di un mattino di ottobre e l'animale sembrava piuttosto disorientato e indeciso su dove poggiare il proprio peso. Uno scatto con le lenti fish-eye ha regalato alla Henly la vittoria nella categoria "Il Mondo nelle nostre mani": in effetti, la vista di un predatore in balia delle conseguenze del global warming è un messaggio diretto ed efficace.

Guarda anche le foto dell'incredibile scalata di un orso affamato

Ogni anno a fine maggio 250 mila oche delle nevi (Chen caerulescens) lasciano il Nord America per andare a covare le uova sull'Isola di Wrangel, nel nord est della Russia. Inizia allora una lotta senza esclusione di colpi con le volpi artiche, che approfittano della presenza della colonia - la più grande al mondo - per fare incetta di uova da tenere come scorta.
L'esito delle sfide (come quella nella foto) non è per nulla scontato: le oche danno alle volpi del filo da torcere. Ma si mostrano del tutto prive di senso del gruppo: se la nemica si avventa sulle uova delle compagne di colonia, la lasciano fare senza intervenire.

Le più belle foto di animali bianchi (anzi, albini)

Sempre una volpe è protagonista di questo scatto realizzato dal britannico Richard Peters. L'uomo si trovava all'interno del Parco Nazionale dello Yellowstone, nel Wyoming (USA) dove il mammifero stava cercando di avvertire la presenza di roditori sotto allo spesso strato di neve. Il balzo è il movimento che la volpe fa per prepararsi ad atterrare sull'ignaro topolino: il fotografo ha realizzato diverse pose dell'intera sequenza, ma è particolarmente affezionato a questa, che rende l'idea di quanto in alto l'animale possa saltare.

Altri record del mondo animale (vai alla gallery)

Appostato nelle acque paludose del Pantanal, in Brasile, uno Jacaré (Caiman yacare) attende immobile, ma allerta, che i pesci si avvicinino alle sue fauci. Quando è in questa posizione non è aggressivo nei confronti dell'uomo, rassicura il fotografo brasiliano Luciano Candisani, autore dello scatto vincitore della categoria "Comportamento, animali a sangue freddo".

Altre spettacolari foto di rettili (guarda)

Quando il fotografo norvegese Pål Hermansen ha scoperto questo cantiere di demolizione abbandonato, in Svezia, ha iniziato a visitarlo tutti i giorni, affascinato da come la natura avesse, nell'arco di 60 anni, gradualmente invaso i rottami un tempo appartenuti all'uomo. Uno degli abituali visitatori del luogo, oltre al fotografo, era questo scoiattolino: ogni mattina Hermansen lo sentiva sgattaiolare tra le lamiere in cerca di cibo, sempre alla stessa ora.

Guarda anche lo scoiattolo-John Travolta

Di inverno, il gigantesco estuario del Ría Celestún, in Messico, attrae migliaia di fenicotteri rossi (Phoenicopterus ruber) che si radunano qui per nutrirsi dei microrganismi che popolano i bassi fondali e dare inizio alle danze di corteggiamento. Per riuscire a fotografarli nel loro insieme, il tedesco Klaus Nigge si è unito a un gruppo di biologi impegnati in una conta degli esemplari dall'abitacolo di un elicottero. Lo scatto ha vinto il primo premio nella categoria "Creative Visions" dedicata alle foto di natura concettuali e simboliche.

Guarda anche uno stormo di fenicotteri a forma di... fenicottero

Il volo radente di un'aquila a caccia di fenicotteri (video)

A una temperatura esterna di -17 °C, sull'Isola di Kvaløya in Norvegia, si è svolta la meravigliosa danza delle luci del nord che ha dato vita a questo scatto. Sistemato il treppiedi sulla superficie di un lago ghiacciato, il fotografo tedesco Thilo Bubek ha realizzato lo scatto vincitore della categoria dedicata ai paesaggi.

Le più belle foto di aurore boreali, con la spiegazione scientifica sulla loro origine

Ha ancorato i piedi nel ghiaccio del Mare di Ross, in Antartide, ed è rimasto ad aspettare. Poco dopo, con le dita quasi congelate, il fotografo canadese Paul Nicklen
ha realizzato lo scatto che gli è valso la vittoria. Una colonia di pinguini imperatore (Aptenodytes forsteri) nuota immersa in un mare di bollicine, puntando decisa verso l'unico buco creato dai ghiacci. La luce del sole filtra attraverso il foro, illuminando gli uccelli che portano, nel becco, piccoli pesci da dare in pasto ai pulcini. «È stato un momento fantastico» ha raccontato l'autore «un momento in cui mi sono sentito incredibilmente fortunato di poter assistere a questo spettacolo».

Divertenti, buffi e rubacuori: tutte le più belle foto di pinguini