Natura

La nascita delle prime piante verdi

L'analisi di vecchi reperti ha permesso di scoprire fossili ben conservati di esemplari delle prime piante terrestri, emerse 460 milioni di anni fa.

Una ricerca dell'Università dell'Oregon conferma infine l'ipotesi più condivisa sull'origine delle piante: sono apparse per la prima volta sulla terraferma circa 460 milioni di anni fa, nel bel mezzo dell'Ordoviciano, una suddivisione geologica del Paleozoico durata circa 45 milioni di anni. Lo studio, condotto dal geologo Greg Retallack, descrive una serie di tracce fossili di piante in una stratificazione rocciosa dell'Ordoviciano in una regione del Tennessee (USA). Nella stessa area studi precedenti avevano rivelato prove fossili di invertebrati, ma Retallack è il primo a identificare intere piante fossili, inclusi muschi, epatiche e licheni.

Una inarrestabile catena di eventi. Retallack, attuale curatore della Thomas Condon Fossil Collection del Museo di Storia Naturale dell'università (una tra le collezioni di fossili più importanti al mondo, con oltre 100.000 reperti classificati), ritiene che i recenti ritrovamenti possano mettere il punto finale alla questione della nascita e della diffusione delle piante sulla Terra. «Studi precedenti hanno identificato spore fossili all'interno di rocce datate a quel periodo», afferma il ricercatore: «le analisi del suolo e gli studi sugli isotopi del carbonio avevano confermato la probabile presenza di piante terrestri, ma questa è la prima volta che si trovano prove dirette della presenza di piante.»

Se le piante terrestri sono emerse e hanno iniziato a diffondersi 460 milioni di anni fa, possono avere contribuito direttamente a una diminuzione dell'anidride carbonica in atmosfera, cosa che avrebbe portato al raffreddamento globale che è all'origine di un'esplosione di nuova vita negli oceani e che, alla fine, 445 milioni di anni fa circa, ha dato inizio a un'era glaciale. Era però un mondo nel quale dominava il verde delle gimnosperme: dalla nascita di quelle prime piante terrestri, che non avevano bisogno di fiori per riprodursi (come il pino e l'abete), dovranno passare 285 milioni di anni prima di vedere la comparsa delle angiosperme, ossia le piante che si riproducono attraverso i fiori, che infine presero il sopravvento sulle prime.

Le rocce studiate si depositarono quando la maggior parte delle terre emerse erano riunite nel supercontinente Gondwana. Venute alla luce nel 1942, durante i lavori di costruzione di una diga, molte furono frazionate e portate in diversi musei - dove Retallack ha potuto studiarle e scoprire i fossili vegetali: «È un altro esempio di come le vecchie collezioni possano sempre riservare nuove sorprese».

11 novembre 2020 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us