Natura

Meteo: i tornado in Europa

Uno studio mette nella giusta prospettiva un evento meteo particolarmente violento, quello dei tornado, finora sottovalutato in Europa, anche se è molto frequente ed ha spesso conseguenze gravi in termini di vittime e danni.

Una ricerca ad opera di un team di meteorologi del Centre for Atmospheric Science (Manchester University), rileva che i tornado sono una minaccia fortemente sottovalutata in Europa, e in particolare nel Regno Unito, in Germania e in Italia del nord, ossia nelle aree a maggiore rischio.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Bulletin of the American Meteorological Society, è il primo di rilevanza scientifica che studia la reale minaccia dei tornado sul continente europeo.

tornado in europa
300 anni di tornado in Italia (fonte: European Severe Weather Database). © Tornadoes in Europe, Bogdan Antonescu et Al. 2017

La ricerca si basa su una dettagliata analisi dei rapporti sui tornado raccolti nel European Severe Weather Database tra il 1950 e il 2015.

Dai dati meteorologici, atmosferici e dalle testimonianze raccolte nel corso del tempo in questi 66 anni, si dimostra che i tornado hanno causato in Europa quasi un miliardo di euro (attualizzati) di danni, oltre 300 morti e più di 4.400 feriti.

Nel periodo in questione, si sono registrati 5.478 tornado di varia intensità in 42 Paesi.

Europa a rischio. Il periodo dell'anno in cui si verifica il maggior numero di tornado è tra maggio e agosto, con il picco a luglio.

tornado in europa
Grafico a): i tornado in Europa tra il 1950 e il 2015. Grafico b): la densità di popolazione per chilometro quadrato nel 2015 (clic sull'immagine per ingrandirla). © Tornadoes in Europe, Bogdan Antonescu et Al. 2017

Il problema è di tale portata, sottolineano i ricercatori, che all'avvicinarsi di una nuova stagione di tornado è necessario prendere consapevolezza del problema.

Spiega Bogdan Antonescu (Manchester University), che ha coordinato lo studio: «In Europa, questo tipo di minaccia non è adeguatamente riconosciuta dei servizi metereologici: pochi hanno sviluppato e mantenuto un database dei tornado, e ancor meno vengono emessi allarmi per tornado. È necessario aumentare la consapevolezza della pericolosità di questi eventi violenti, a partire dai meteorologi e fino alla popolazione, ai soccorritori e ai governi dell'intero continente».

Anche se la pericolosità dei tornado europei è inferiore a quella degli stessi eventi nel Nord America, il loro reale impatto è così spesso sottovalutato a causa della mancanza di una raccolta metodologica e scientifica dei tornado che si abbattono sul Vecchio Continente.

tornado in europa
Il numero di tornado di cui si ha memoria e la località dove si è verificato l'evento più violento, con il relativo numero di vittime (clic sull'immagine per ingrandirla). © Tornadoes in Europe, Bogdan Antonescu et Al. 2017

Questa leggerezza è ancora più sorprendente se si pensa che prima della Seconda guerra mondiale i ricercatori e i meteorologi europei erano molto attivi nel registrare i tornado e le loro conseguenze. Quel lavoro è venuto meno dopo il 1950, e questo ha progressivamente portato a scordare la minaccia.

La ricerca ha messo in luce che mentre il Regno Unito, la Germania e l'Italia del Nord sono le aree a maggiore a rischio-tornado, è nei Paesi dell'Europa orientale/meridionale che i tornado hanno un impatto sociale più drammatico. Pur con un numero inferiore di eventi violenti, in quelle zone d'Europa il numero complessivo di vittime è 2-3 volte superiore a quello di altri Paesi.

Vedi anche

28 aprile 2017 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us