Mangiatori di loto

Non è la testa di un innaffiatoio, ma il baccello che contiene i semi del fiore di loto (Nelumbo nucifera), una delle piante più coltivate e… consumate di tutta l’Asia. Tutte le parti di questo...

spl_b787561_lotus_web
Un baccello di fiore di loto contenente diversi semi.

Non è la testa di un innaffiatoio, ma il baccello che contiene i semi del fiore di loto (Nelumbo nucifera), una delle piante più coltivate e… consumate di tutta l’Asia.
Tutte le parti di questo fiore sono commestibili e apprezzate da oltre un millennio per le loro proprietà antidiarroiche, febbrifughe e vitaminiche, confermate anche da recenti studi scientifici.
Ecco perché di questa pianta non si butta via niente. I semi seccati vengono mangiati come salatini, cucinati come popcorn e utilizzati in pasticceria.
Dagli stami del fiore si ricava un té profumato, mentre le foglie sono utili per avvolgere gli alimenti (scopri i misteri di queste foglie).

Non tutti i fiori sono benefici, scopri i fiori del male

[E. I.]

07 Luglio 2008 | Elisabetta Intini