Natura

Lost Lake, il lago che scompare e riappare

In Oregon uno specchio d'acqua che si svuota, e si riempie, come un lavandino. Un video del curioso fenomeno, che ha precise origini geologiche.

Tra le montagne dell'Oregon centrale c'è un lago dal nome evocativo: Lost Lake ("lago perduto"). In effetti, le sue acque scompaiono e riappaiono periodicamente come se qualcuno svuotasse o riempisse un lavandino, semplicemente aprendo o chiudendone il "tappo".

passate eruzioni. Dove finisca tutta quest'acqua non è un mistero. Nel letto del lago, sul lato nord, si trova un grande buco di origini geologiche. La voragine è il residuo di un tubo o tunnel di lava, una galleria scavata in tempi passati da una colata di lava fluida, raffreddatasi solo nel suo strato più esterno. L'erosione o una piccola eruzione potrebbero aver fatto collassare parte di questa crosta, facilitando la formazione del foro.

Lago o prato. Durante il tardo autunno, complice l'aumento delle precipitazioni, l'acqua inizia a cadere nel buco (finendo forse in una falda acquifera sotterranea), e continua a farlo durante l'inverno, come si vede nel video qui sopra. Nella stagione fredda, l'abbondanza di piogge fa sì che l'acqua che entra sia meno di quella che fuoriesce dal buco. Così il lago rimane pieno. D'estante, invece, Lost Lake si prosciuga completamente, fino a trasformarsi in prato.

Secondo il sito locale The Bulletin alcuni turisti avrebbero provato a tappare il buco gettando detriti nel lago, ma fortunatamente non sono riusciti nel loro intento.

8 maggio 2015 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us