1+25 primati a rischio dalla lista rossa dell'IUCN

Una selezione dei primati a più alto rischio di estinzione: tra le 25 specie che riportiamo dalla lista rossa 2015 dell'IUCN, alcune contano tra 25 e 50 esemplari in tutto. In più, una specie fuori lista.

Uomo moderno (Homo sapiens) - Popolazione stimata: 7,238 miliardi di individui. È un primate della famiglia degli ominidi, unica specie vivente del genere Homo, e vive ovunque sulla Terra. Un terzo degli esemplari è minacciato da obesità, polveri sottili, programmi tv e altre catastrofi; un terzo soffre la carenza cronica di acqua, cibo e quasi tutto il resto; un terzo vive appena sopra o appena sotto la soglia di povertà, che gli studi indicano come "1 dollaro al giorno". Nei primi giorni di dicembre 2015 una piccola schiera di Sapiens si è data appuntamento a Parigi per discutere della qualità dell'aria da respirare, delle temperature più confortevoli per il pianeta e della giusta altezza dei mari, e qui c'è tutto quello che hanno concluso.


Le immagini che seguono: una selezione di altri primati la cui sopravvivenza è legata (anche) al cambiamento climatico.

Lemure nano di Lavasoa (Cheirogaleus lavasoensis) - Popolazione stimata: indeterminata (forse meno di 50 individui). Abita nelle aree forestali di Lavasoa, in Madagascar, che da culla della biodiversità è sulla buona strada per diventare la tomba di molte specie. È un animale notturno e va in letargo durante la stagione fredda e secca: è una recente spedizione dell'istituto di antropologia della Johannes Gutenberg University (Magonza, Germania) che ha stimato che potrebbero esserci meno di 50 esemplari.


Vedi anche

# Gli spiriti della notte

Apalemure del lago Alotra (Hapalemur alaotrensis) - Popolazione stimata: tra 2500 e 5000 individui. Come tutti i lemuri, è endemico del Madagascar (ossia è una specie esclusiva di questo territorio): il suo areale (l'area specifica in cui vive) si riduce sempre di più, ed è per questo motivo che lo IUCN lo considera in pericolo critico di estinzione.


Vedi anche

# I camaleonti del Madagascar

Vari rosso (Varecia rubra) - Popolazione stimata: indeterminata. L'areale è molto ristretto: la foresta pluviale di Masoala, in Madagascar.


Vedi anche

# Un progetto italiano per i lemuri

Lepilemure settentrionale (Lepilemur septentrionalis) - Popolazione stimata: circa 50 individui. Abita la foresta decidua secca del Madagascar occidentale, disboscata in una percentuale significativa per favorire allevamento e agricoltura. In natura, la speranza di vita per questi animali è inferiore a 10 anni.


Vedi anche

# Le chiacchiere dei lemuri

Sifaka di Perrier (Propithecus perrieri) - Popolazione stimata: da 1700 a 2600 individui. Relegato in alcune aree molto ristrette della foresta pluviale del Madagascar, lo IUCN lo considera in pericolo critico di estinzione.


Vedi anche

# I danni dell'inquinamento luminoso (multimedia in flash: può non essere visualizzato su smartphone)

Galagone di Rondo (Galago rondoensis) - Popolazione stimata: indeterminata. Specie endemica dell'altopiano di Rondo, in Tanzania: misura una ventina di cm e pesa circa 60 grammi.


Vedi anche

# Rane cowboy e pesci gatto

Cercopiteco roloway (Cercopithecus roloway) - Popolazione stimata: indeterminata. Abita una piccola zona a cavallo tra Costa d'Avorio e Ghana. Negli ultimi venti anni la popolazione di questi primati è diminuita drasticamente e la specie oggi è considerata molto rara e, per lo IUCN, a rischio critico di estinzione.


Vedi anche

# Google Street View in Africa

Colobo rosso di Preuss (Piliocolobus preussi) - Popolazione stimata: indeterminata. Specie endemica di un'area a cavallo tra Camerun e Nigeria, vive nella foresta pluviale in prossimità di fonti d'acqua permanenti. Si ritiene che la popolazione della parte nigeriana sia definitivamente estinta.


Vedi anche

# Gli animali estinti torneranno in vita?

Colobo rosso del Fiume Tana (Piliocolobus rufomitratus) - Popolazione stimata: non più di 1000 individui. Endemico di una ristretta zona di foresta in Kenya.


Vedi anche

# L'anno nero dei rinoceronti

Gorilla di pianura orientale (Gorilla beringei graueri) - Popolazione stimata: tra 2000 e 10.000 individui. Vive solo nelle foreste della Repubblica Democratica del Congo orientale.


Vedi anche

# Dal Dna nuove speranze per i gorilla

Tarsio delle Filippine (Carlito syrichta) - Popolazione stimata: indeterminata. Endemico delle Filippine: misura fino a 40 cm, ma i due terzi sono la coda, e da adulto pesa 150 grammi.


Vedi anche

# I camaleonti lillipuziani

Lori lento della Sonda (Nycticebus coucang) - Popolazione stimata: indeterminata. Endemico dell'arcipelago malese, gli adulti misurano 30-38 cm e pesano circa 2 kg.


Vedi anche

# Dai ghiacci artici: 10 meraviglie da salvare

Rinopiteco di Pagai (Simias concolor) - Popolazione stimata: circa 3000 individui. Endemico delle isole Mentawai (Sumatra).


Vedi anche

# Animali del Grande Mekong

Presbite dalla testa bianca (Trachypithecus poliocephalus) - Popolazione stimata: circa 60 individui. Vive tra Vietnam e Cina: è il più raro primate dell'Asia.


Vedi anche

# Estinto l'uomo... resteranno solo le formiche?

Presbite di Delacour (Trachypithecus delacouri) - Popolazione stimata: 230-270 individui. Vive in piccoli gruppi nel nord del Vietnam.


Vedi anche

# Lo spettacolo della Natura sulla Basilica di San Pietro

Rinopiteco del Tonchino (Rhinopithecus avunculus) - Popolazione stimata: meno di 250 individui. Specie endemica di un'area del nord del Vietnam non più ampia di 100 km quadrati.


Vedi anche

# Accade sotto i nostri occhi...

Entello del Kashmir (Semnopithecus ajax) - Popolazione stimata: indeterminata. Vive tra i 2.000 e i 4.000 metri in alcune zone dell'India occidentale, del Kashmir pakistano e del Nepal.


Vedi anche

# La strage delle antilopi

Presbite dalla faccia viola (Trachypithecus vetulus) - Popolazione stimata: indeterminata. Endemico dello Sri Lanka, la rapida e intensa urbanizzazione dell'isola lo ha relegato esclusivamente all'interno di una riserva naturale.


Vedi anche

# Il futuro incerto dei pinguini

Gibbone di Hainan (Nomascus hainanus) - Popolazione stimata: 20-25 individui. Dire "endemico" pare addirittura un'esagerazione: i pochi esemplari censiti sono confinati in una riserva dell'isola di Hainan, in Cina.


Vedi anche

# La sesta estinzione

Orango di Sumatra (Pongo abelii) - Popolazione stimata: circa 6.000 individui. È la più rara delle due specie di orango (l'altra è l'orango del Borneo, Pongo pygmaeus). Nel 2002 erano stati censiti circa 3.500 esemplari, perciò sembra che per questa specie di orango le cose vadano un poco meglio, anche se lo stato di conservazione è ancora stimato "critico".


Vedi anche

# Chi non si estingue si rivede (buone notizie!)

Cebo Ka'Apor (Cebus kaapori) - Popolazione stimata: indeterminata. Endemico di un ristretto areale in Brasile nord-orientale.


Vedi anche

# La democrazia delle scimmie

Callicebo delle Ande (Callicebus oenanthe) - Popolazione stimata: indeterminata. Specie endemica di un piccolo areale in Perù, vive nella foresta pluviale attorno ai 1.500 metri.


Vedi anche

# Cacciare insetti sviluppa l'intelligenza

Aluatta bruna (Alouatta guariba) - Popolazione stimata: meno di 250 individui. Specie endemica della foresta atlantica del Brasile e dell'Argentina.


Vedi anche

# Scimmie e lupi: nemici-amici

Atele bruno (Ateles hybridus) - Popolazione stimata: indeterminata. Vive in una stretta fascia di foresta pluviale al confine fra Colombia e Venezuela.


Vedi anche

# Il prezzo dell'adattamento

Atele testa nera (Ateles fusciceps) - Popolazione stimata: indeterminata. Specie endemica della foresta pluviale tra Ecuador e Colombia.


Vedi anche

# Paese che vai... Anche le scimmie parlano in dialetto

Uomo moderno (Homo sapiens) - Popolazione stimata: 7,238 miliardi di individui. È un primate della famiglia degli ominidi, unica specie vivente del genere Homo, e vive ovunque sulla Terra. Un terzo degli esemplari è minacciato da obesità, polveri sottili, programmi tv e altre catastrofi; un terzo soffre la carenza cronica di acqua, cibo e quasi tutto il resto; un terzo vive appena sopra o appena sotto la soglia di povertà, che gli studi indicano come "1 dollaro al giorno". Nei primi giorni di dicembre 2015 una piccola schiera di Sapiens si è data appuntamento a Parigi per discutere della qualità dell'aria da respirare, delle temperature più confortevoli per il pianeta e della giusta altezza dei mari, e qui c'è tutto quello che hanno concluso.
Le immagini che seguono: una selezione di altri primati la cui sopravvivenza è legata (anche) al cambiamento climatico.