Libano, la spiaggia è invasa dalla schiuma: cosa è accaduto?

La scorsa settimana, chi passeggiava in riva al mare a Naqoura si è trovato con i piedi a mollo tra le bolle. Non è la prima volta che succede, ma da cosa dipende? È pericoloso?

coast
La spiaggia di Naqoura, venerdì 26 gennaio. Le 7 spiagge più bizzarre al mondo|Sarah Salman via Smithsonian Mag

Venerdì scorso, gli abitanti di Naqoura, in Libano, sono rimasti a bocca aperta davanti al soffice manto bianco che si è depositato sulla spiaggia cittadina. Neve? No: una schiuma densa e persistente, in quantità così esagerate da suscitare preoccupazione. Da che cosa è stata causata?

 

 

Il fenomeno è stato documentato anche altrove ed è dovuto a una combinazione di acqua, aria e tensioattivi, cioè sostanze che hanno la proprietà di abbassare la tensione superficiale di un liquido. Di solito, poiché le molecole della superficie dell'acqua sono attratte da quelle sottostanti, e vengono quindi "richiamate" verso il basso, le bolle formate dal viavai delle onde scoppiano quasi subito: la superficie ritorna piatta.

 

I tensioattivi, uniti all'acqua, ne fanno diminuire la tensione superficiale: le molecole sottostanti non hanno abbastanza forza per attrarre quelle superficiali e le bolle durano più a lungo.

 

 

Un ventaglio di cause. Sostanze inquinanti prodotte dall'uomo, come fertilizzanti e sapone, agiscono da tensioattivi, ma la stessa proprietà appartiene anche composti di origine naturale come i grassi delle alghe e di pesci o vegetazione marina in decomposizione. Eventi come un picco di inquinanti rilasciati in mare o una fioritura eccezionale di alghe possono facilitare il fenomeno, che però, nel caso di Naqoura, sembra essere stato causato dal maltempo, che ha agitato le acque facendo crescere e impilare gli strati di schiuma.

 

Alla larga. Occasionalmente, la schiuma marina può essere irritante se inalata o toccata: lo è per esempio quando i tensioattivi sono residui di alghe tossiche, come la Karenia brevis, che in forma di aerosol può irritare le vie respiratorie, o la Akashiwo sanguinea che può danneggiare il rivestimento idrorepellente delle ali degli uccelli.

 

02 Febbraio 2018 | Elisabetta Intini