Natura

Libano, la spiaggia è invasa dalla schiuma: cosa è accaduto?

La scorsa settimana, chi passeggiava in riva al mare a Naqoura si è trovato con i piedi a mollo tra le bolle. Non è la prima volta che succede, ma da cosa dipende? È pericoloso?

Venerdì scorso, gli abitanti di Naqoura, in Libano, sono rimasti a bocca aperta davanti al soffice manto bianco che si è depositato sulla spiaggia cittadina. Neve? No: una schiuma densa e persistente, in quantità così esagerate da suscitare preoccupazione. Da che cosa è stata causata?

شاطئ الرغوة
منطقة رأس الناقورة #فيديو pic.twitter.com/xPuF1243Rq

— لؤي الرفاتي (@rafatylt) 19 gennaio 2018

Il fenomeno è stato documentato anche altrove ed è dovuto a una combinazione di acqua, aria e tensioattivi, cioè sostanze che hanno la proprietà di abbassare la tensione superficiale di un liquido. Di solito, poiché le molecole della superficie dell'acqua sono attratte da quelle sottostanti, e vengono quindi "richiamate" verso il basso, le bolle formate dal viavai delle onde scoppiano quasi subito: la superficie ritorna piatta.

I tensioattivi, uniti all'acqua, ne fanno diminuire la tensione superficiale: le molecole sottostanti non hanno abbastanza forza per attrarre quelle superficiali e le bolle durano più a lungo.

الناقورة pic.twitter.com/VP0QSUOLUu

— Sarah Salman (@RMA_Sara) 19 gennaio 2018

Un ventaglio di cause. Sostanze inquinanti prodotte dall'uomo, come fertilizzanti e sapone, agiscono da tensioattivi, ma la stessa proprietà appartiene anche composti di origine naturale come i grassi delle alghe e di pesci o vegetazione marina in decomposizione. Eventi come un picco di inquinanti rilasciati in mare o una fioritura eccezionale di alghe possono facilitare il fenomeno, che però, nel caso di Naqoura, sembra essere stato causato dal maltempo, che ha agitato le acque facendo crescere e impilare gli strati di schiuma.

Alla larga. Occasionalmente, la schiuma marina può essere irritante se inalata o toccata: lo è per esempio quando i tensioattivi sono residui di alghe tossiche, come la Karenia brevis, che in forma di aerosol può irritare le vie respiratorie, o la Akashiwo sanguinea che può danneggiare il rivestimento idrorepellente delle ali degli uccelli.

2 febbraio 2018 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La vita straordinaria di Rita Levi-Montalcini, l'unica scienziata italiana premiata con il Nobel: dall'infanzia dorata alle leggi razziali, dagli studi in America ai legami con una famiglia molto unita, colta e piena di talenti. E ancora: l'impresa in Antartide di Ernest Shackleton; i referendum che hanno cambiato il corso della Storia; le prime case popolari del quartiere Fuggerei, ad Augusta; il mito, controverso, di Federico Barbarossa.

ABBONATI A 29,90€

Tutto quello che la scienza ha scoperto sui buchi neri: fino a 50 anni fa si dubitava della loro esistenza, ora se ne contano miliardi di miliardi. Inoltre, come funziona la nostra memoria; l'innovativa tecnica per far tornare a camminare le persone paraplegiche; la teconoguerra in Ucraina: quali sono le armi tecnologiche usate.

ABBONATI A 31,90€
Follow us