Natura

Le valanghe? Impossibile prevederle

Esiste un metodo per prevedere le valanghe? No, il modo in cui una lastra di neve si sfalda è imprevedibile.

Le valanghe? Impossibile prevederle
Esiste un metodo per prevedere le valanghe? No, il modo in cui una lastra di neve si sfalda è imprevedibile.

Una discesa fuori pista in neve fresca? Attenzione alle valanghe. È impossibile dire con certezza: 'tanto non succede niente'.
Una discesa fuori pista in neve fresca? Attenzione alle valanghe. È impossibile dire con certezza: "tanto non succede niente".

Amate lo sci fuori pista, ma avete paura delle valanghe? La scienza… non può aiutarvi e forse neppure la natura. Pare, infatti, che prevedere una slavina sia impresa alquanto ardua. Questo, almeno, è quanto emerge da uno studio condotto da alcuni ricercatori dell'università di Vienna secondo il quale la natura è così imprevedibile da rendere quasi impossibile la definizione di come e quando un semplice agglomerato di neve possa trasformarsi in una vera e propria slavina.
Valanghe fatte in casa. Creando artificialmente degli accumuli di neve, gli studiosi hanno cercato di stabilire quale tipo di sollecitazione avrebbe potuto provocarne la rottura. Si è poi visto in laboratorio che aumentando la compattazione e la densità della neve la sua resistenza media aumentava. Ma si è anche notato come la grande dispersione dei risultati facesse sì che in pratica, sul campo, questo principio non si traducesse in nulla di decisivo: infatti a volte la rottura si determinava anche senza sollecitazioni di rilievo in mucchi di neve che avrebbero potuto resistere meglio.
Imparare dagli stambecchi. Le sollecitazioni che possono determinare la rottura di un cumulo di neve possono essere le più svariate e come tali difficilmente quantificabili. A volte, insomma, può bastare anche il passaggio di un semplice sciatore per provocare la rottura degli strati di neve e, quindi, una loro caduta a valle. L'unica soluzione? Fare come gli stambecchi che non vengono mai coinvolti nelle valanghe. Secondo uno studio dell'Istituto svizzero delle valanghe, sono gli unici in grado di prevederle ed evitarle. Il segreto? Rimangono sempre ad almeno 50 metri dalle zone dove è caduta neve fresca finché non son ben certi che questa si sia compattata con lo strato sottostante.

(Notizia aggiornata al 23 febbraio 2004)

23 febbraio 2004
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us