Focus

Le stagioni si avvertono anche in fondo al mare?

Anche nelle profondità degli oceani si sentono arrivare le estati e gli inverni. Che influenzano tutte le specie marine.

corbis-42-50446004
Le stagioni in fondo al mare però arrivano con un po' di ritardo. | © 145/Georgette Douwma/Ocean/Corbis

Il susseguirsi delle stagioni in superficie fa sentire i suoi effetti anche sull'ecosistema marino, ma con modalità e tempi diversi rispetto alla terraferma. La temperatura dell'acqua, infatti, che dipende dall'irraggiamento solare (e quindi dalla stagione in cui siamo), cresce o decresce più lentamente rispetto a quella dell'aria, ritardando le stagioni oceaniche di circa due mesi rispetto a quelle atmosferiche.

 

Alghe in crescita. Il caldo (o il freddo) influenzano la quantità di nutrienti a disposizione del fitoplancton, l'insieme di organismi capaci di svolgere la fotosintesi che fungono da produttori primari di alimenti negli oceani: normalmente sono le acque profonde a essere ricche di nutrienti, ma quando la differenza di temperatura con le acque superficiali è ridotta al minimo (cioè d'inverno) i due strati si mescolano e - con l'arrivo della primavera e quindi di maggior luce solare - il fitoplancton può "fiorire".

 

I più buffi degli abissi
VAI ALLA GALLERY (N foto)

 

I travestimenti delle telecamere dei documentari
VAI ALLA GALLERY (N foto)

 

Giochi da otaria
VAI ALLA GALLERY (N foto)

 

2 settembre 2014