Le saline di San Francisco fotografate da un aquilone

Un habitat prezioso e coloratissimo, immortalato dall'alto con un insolito stratagemma. Le foto magnetiche di Cris Benton in una delle baie più famose del mondo.
Da non perdere: le più belle foto fatte con i droni

Le foto aeree permettono di cogliere, in un solo colpo d'occhio, colori e motivi geometrici di paesaggi tanto vasti quanto desolati e deserti. Molti fotografi le realizzano dal finestrino di un elicottero; altri optano per un ultraleggero, o un drone. Cris Benton, l'autore di queste foto, ha scelto una soluzione innovativa.

Benton ha fissato una fotocamera radiocomandata a un aquilone, per osservare da un'inedita prospettiva le vivaci tonalità delle paludi salate di San Francisco, il soggetto di queste foto.

I South Bay salt ponds sono laghi salati artificiali situati nella parte meridionale della Baia di San Francisco, e creati per l'estrazione del sale dall'acqua di mare.

L'inedito mezzo di trasporto ha condotto la fotocamera fino a oltre 90 metri d'altezza, permettendo di cogliere le intense sfumature gialle, verdi e magenta delle paludi.

I microrganismi che popolano l'ambiente inospitale dei laghi salati conferiscono infatti a queste acque colorazioni insolite e brillanti, che, viste dall'alto, rendono il paesaggio ancor più spettacolare.

Durante il processo di trasformazione, l'acqua di mare viene convogliata in queste vasche artificiali dove è esposta all'evaporazione naturale. Mano a mano che il liquido evapora, la concentrazione di sale aumenta.

Durante questo ciclo, l'acqua sempre più salata viene spostata di vasca in vasca, in un periodo che può durare fino a cinque anni.

Al termine della lunga lavorazione, il sale depositatosi è pronto da estrarre. Gli scenari immortalati da Benton sono tra i più disparati: si va dalle distese d'acqua più profonde, agli acquitrini più bassi, alle distese fangose o incrostate.

In tutto, sei mila ettari di paludi, che il fotografo è riuscito a immortalare con uno strumento relativamente semplice ed economico.

Ora, dopo oltre un secolo di sfruttamento del territorio a fini industriali, è in corso, su questo habitat, un importante tentativo di recupero del territorio, che sarà riportato alla sua originaria vocazione di estesa palude naturale di marea.

Intorno ai laghi salati costieri gravitano infatti moltissime specie selvatiche: uccelli migratori che qui vengono ad accoppiarsi, molluschi e piccoli mammiferi, per i quali la sopravvivenza di un habitat così caratteristico è di vitale importanza.

Gli scatti di Benton sono stati radunati in un libro fotografico, intitolato Saltscapes, il ricavato del quale sarà in parte devoluto al finanziamento di un progetto di recupero di questo prezioso territorio, il South Bay Salt Pond Restoration Project.

Le foto aeree permettono di cogliere, in un solo colpo d'occhio, colori e motivi geometrici di paesaggi tanto vasti quanto desolati e deserti. Molti fotografi le realizzano dal finestrino di un elicottero; altri optano per un ultraleggero, o un drone. Cris Benton, l'autore di queste foto, ha scelto una soluzione innovativa.