Natura

Le piante si scambiano i geni

Parte del patrimonio genetico delle piante superiori è fatto da geni estranei. Da dove vengono?

Le piante si scambiano i geni
Parte del patrimonio genetico delle piante superiori è fatto da geni estranei. Da dove vengono?

Una foglia di un albero di kiwi (Actinidia deliciosa ).
Una foglia di un albero di kiwi (Actinidia deliciosa ).

Si chiama “transfer orizzontale”, ed è lo scambio di geni tra specie diverse. Si pensava che avvenisse in particolare tra i batteri, ma ora è stato scoperto che anche le piante superiori si possono scambiare geni nel corso della vita. E che una parte a volte rilevante del loro patrimonio genetico è costituito da geni che provengono da altre specie.
I ricercatori hanno esaminato il Dna mitocondriale (cioè quello presente nelle piccole centrali energetiche della cellula) di circa 100 specie vegetali. Alcune di esse - il kiwi, il caprifoglio, la betulla, il papavero canadese e una pianta estremamente primitiva, l'Amborella - sembravano geneticamente imparentate con altre specie anche lontane. L'unica spiegazione di questa anomalia è che le piante stesse avessero in qualche modo acquisito parte dei geni dall'esterno.
Trasporti misteriosi. Non attraverso l'ibridazione o l'accoppiamento, ma forse con l'aiuto di funghi, virus o batteri che hanno funto da “trasportatori” di geni. Incorporano parte del genoma di alcune piante nel loro, e quando infettano un'altra specie rilasciano qualche gene, che va ad inserirsi nel patrimonio genetico della nuova specie. Nel caso del papavero canadese, hanno addirittura trovato un gene “ibrido”, composto per il 50 per cento da un gene catturato da una specie diversa, e per il resto trasmesso dai genitori.
La scoperta potrebbe mettere in dubbio la sicurezza con cui le grande aziende agroalimentari statunitensi propongono la coltivazione di organismo geneticamente modificati.

(Notizia aggiornata al 23 luglio 2003)

11 luglio 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Il racconto del decennio (1919-1929) che condusse un'Italia povera, ferita e delusa dalla Grande guerra nelle braccia di Mussolini. E ancora: distanziamento, lockdown, ristori... tutte le analogie fra la peste di ieri e il covid di oggi; come Anna Maria Luisa, l'ultima dei Medici, salvò i tesori artistici di Firenze; dalla preistoria in poi, l'impatto dell'uomo sull'ambiente e sul paesaggio.

ABBONATI A 29,90€

Il cervello trattiene senza sforzo le informazioni importanti per sopravvivere. Qual è, allora, il segreto per ricordare? Inoltre: gli ultimi studi per preservare la biodiversità; la più grande galleria del vento d'Europa dove si testano treni, aerei, navi; a che punto sono i reattori che sfruttano la fusione nucleare.


ABBONATI A 29,90€

Litigare fa ammalare? In quale sport i gatti sarebbero imbattibili? Perché possiamo essere cattivi con gli altri? Sulla Luna ci sono nuvole? Queste e tante altre domande e risposte, curiose e divertenti, sul nuovo numero di Focus D&R, d'ora in poi tutti i mesi in edicola!

ABBONATI A 29,90€
Follow us