Natura

Le piante hanno i sensi?

Il mondo vegetale può sentire, interagire e comunicare e per farlo ha sviluppato un sistema raffinato

Contenuto sponsorizzato a cura di Ricola

L’insieme sensorio dei vegetali è molto più raffinato e complesso di quanto si possa immaginare. Partendo dal presupposto che le informazioni e la conoscenza dell’ambiente che ci circonda ci permettono di affrontare e risolvere i problemi, i cinque sensi (olfatto, vista, udito, gusto e tatto) sono gli strumenti su cui l’uomo ha costruito la sua capacità di agire, reagire ed evitare una situazione di pericolo.

La Neurobiologia Vegetale e la botanica hanno dimostrato che le piante sono incredibilmente brave a percepire quello che si trova intorno a loro, e “a percepire i cambiamenti con una sensibilità di molto superiore a quella degli animali - afferma il botanico Stefano Mancuso -. Le piante non sono dotate degli equivalenti dei nostri cinque sensi, tuttavia possono sentire cose che gli animali non possono percepire. Come, per esempio, i campi elettrici o quelli elettromagnetici o ancora i gradienti chimici e, tra quello che riescono a percepire, ci sono gli equivalenti della vista e dell’udito”.

La ricerca, infatti, ha stabilito che non solo riescono a percepire le lunghezze d’onda, ma anche le variazioni della luce e le forme molto semplici: “quante volte abbiamo osservato in natura come un rampicante o un fagiolo “vedono” l’ambiente che li circonda e si dirigono verso un supporto che consenta loro di crescere”.

Invece, al contrario di quanto si creda, i vegetali non riescono a sentire la musica, però sono in grado di percepire delle vibrazioni, come quelle a 200 Hertz. Sono le frequenze tipiche del fluire dell’acqua e, quando le individuano, le piante dirigono verso quella fonte di suono il loro apparato radicale. Se sicuramente apprezzano il suono dell’acqua, di certo non sono delle fan di altre frequenze, come quelle del ronzio emesso dagli insetti, considerati ovviamente dei nemici.

Il mondo vegetale ha così sviluppato un sistema raffinato e articolato per sentire, interagire e comunicare.

15 aprile 2019
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us