Le personali di iFocus: Marco Corso

Una selezione di fotografie di Marco Corso, che su iFocus condivide con la fotocommunity la sua passione per la fotografia, i paesaggi e la natura. Le fotografie sono accompagnate dalle descrizioni e dai commenti dell'autore.
 
# Vedi la rubrica delle foto dei lettori e scopri come pubblicare le tue fotografie su Focus e focus.it.

Queste immagini rappresentano il mio vissuto paesaggistico. Si tratta di 9 fotografie che ritraggono la natura nella sua intima bellezza, prima o dopo un temporale, il sorgere del sole in un'alba di primavera, o la Val d'Orcia e il cullare delle sue mille forme, l'incombere di una nuvola quasi aliena, gli spazi americani nel classico tour in piena libertà, per concludere con le nostre Dolomiti, ritraendo le Tre Cime di Lavaredo in un contesto a me molto gradito.

Questa sequenza di immagini fa parte di un progetto che porto avanti da qualche anno, dal 2008 per precisione e si intitola "I Colori del Mondo".

La Val d'Orcia è per me un luogo molto caro, tra le verdi colline di Pienza e San Quirico ravvivo la mia ispirazione, in quei campi lussureggianti di colore, mi sembra che la natura si sia ritagliata un angolo per coltivare il suo animo, semplice e ricco di sensazioni. Gli scatti sono stati eseguiti tra giugno e novembre, anche se ogni stagione cela e conserva un fascino unico.

Le Dolomiti sono una meta che visito spesso, la montagna è riflessiva, compiaciuta, forte e silenziosa, ed è in quei silenzi che trovo i miei scatti. Per molti anni le Dolomiti sono state macchiate dalle guerre Mondiali, tra il 1915 e il 1918 furono segnati momenti epici e le nostre montagne portano ancora vivi i segni, mostrandoli a chi le visita.

La fotografia esiste perché esiste la bellezza, se fosse per me un lavoro, probabilmente darei un prezzo a tutto ciò che scatto, demolendo il valore delle cose. 

Mi sono innamorato della fotografia tanti anni fa e continuo a viverla con la stessa passione di quando vedevo a colori e scattavo in bianco e nero.

Ora creo progetti e seguo il mio istinto, mai come oggi il mondo ha bisogno di immagini per ricordare e per rinnovarsi, mi accorgo che nessuno sa più vedere, le persone sono tutte occupate e correre per dar vita al domani lasciando perdere l'oggi.

I miei trascorsi fotografici mi hanno portato a partecipare a concorsi e mostre, esponendo in diverse situazioni, per citare alcune, New York, Londra, Amburgo, Roma, Venezia, Chianciano.

Le foto che scatto hanno sempre, in un modo o nell'altro, colpito il mio interesse e rapito il mio sguardo, non ne scatto cento, ne scatto tre e una di queste contiene tutto ciò che vedevo.

Ho inserito anche un classico Statunitense, la Monument Valley tagliata a metà dalla strada che ritrae un temporale di stagione in lontananza, uno scatto sicuramente visto e rivisto, ma per me molto profondo.

Queste immagini rappresentano il mio vissuto paesaggistico. Si tratta di 9 fotografie che ritraggono la natura nella sua intima bellezza, prima o dopo un temporale, il sorgere del sole in un'alba di primavera, o la Val d'Orcia e il cullare delle sue mille forme, l'incombere di una nuvola quasi aliena, gli spazi americani nel classico tour in piena libertà, per concludere con le nostre Dolomiti, ritraendo le Tre Cime di Lavaredo in un contesto a me molto gradito.