Focus

Le migliori foto del 2008

È la crisi economica che ha sconvolto gli Stati Uniti (e a cascata tutto il mondo) a vincere il primo premio del World Press 2008: un poliziotto, uno sceriffo armato della contea di Cuyahoga, esegue lo sfratto, in seguito a pignoramento, di un'abitazione nell'Ohio. L'ufficiale verifica che la casa sia vuota e che non siano state lasciate delle armi.

Anthony Suau per Time.

Il 12 maggio un sisma di magnitudo 7,9 della scala Richter sconvolge la provincia dello Sishuan in Cina. Il terremoto, il più forte degli ultimi 32 anni della storia cinese, fa circa 85000 vittime.
La foto vincitrice del primo premio della categoria news ritrae proprio il salvataggio di un disperso ritrovato sotto le macerie due giorni dopo il sisma.
Un gruppo di scienziati cinesi e americani ha avanzato un'ipotesi suggestiva e inconsueta sulle origini del terremoto. Sarebbe stato innescato dalla diga Zipingpu, situata a circa 5 chilometri dall'epicentro. Gli studiosi ritengono che il peso dell'acqua (320 milioni di tonnellate) e le infiltrazioni nel terreno abbiano provocato una serie di fratture responsabili della forte scossa. O quanto meno abbiano accellerato il movbimento tettonico.
La tesi non è stata ancora pubblicata su alcuna rivista scientifica ma è stata presentata a un congresso di geologi.

Chen Qinggang, Hangzhou Daily.

Una donna nel tentativo di fermare lo sfratto forzato del suo paese a Manau (Brasile).
Circa 5600 fotografi di 124 nazionalità diverse hanno inviato più di 96000 foto al prestigioso premio. E per 13 giorni, i giurati, se le sono viste tutte!

Luiz Vasconcelos, Jornal A Crítica/Zuma Press.

Il fotografo polacco Wojciech Grzedzinski vince il terzo posto nelle "News Stories" mostrando il conflitto georgiano del 2008.

Wojciech Grzedzinski, Napo Images per Dziennik

Il francese Olivier Laban Mattei immortala il passaggio del ciclone in Myanmar e vince il terzo posto nella categoria "news stories".

Olivier Laban Mattei, AFP

Una guerra tribale ha insanguinato il Kenya nella prima parte del 2008, dopo le elezioni non riconosciute da alcune etnie. In questa immagine, un gruppo di guerrieri di etnia masai attacca con archi e frecce una tribù Kalenjin.

Chiba Yasuyoshi, AFP

Un momento di pausa e tenerezza tra marito e moglie durante la campagna elettorale di Barack Obama.

Callie Shell, Aurora Photos per Time.

Un leopardo delle nevi esce allo scoperto. Le sue zampe, molto larghe - come si vede dalla foto -, sono ricoperte da una folta pelliccia (più fitta che nel resto del corpo) e gli permettono di avvicinarsi molto silenziosamente alle sue prede.
Questi grossi felini sono diffusi nelle regioni montuose e poco abitate dell'Asia Centrale.

Steve Winter, National Geographic Magazine

Dopo 9000 anni di sonno e slilenzio il vulcano cileno Chaitén si è risvegliato. Eruttando fumo, cenere e fulmini. Il curioso fenomeno, non frequente, potrebbe nascere dalle cariche elettrostatiche che nascerebbero dalla frizzione di lapilli e cenere.

Carlos F. Gutiérrez, Patagonia Press per Diario La Tercera

Una tempesta di sabbia colpisce un campo di addestramento dell'esercito francese a Gibuti (Africa).

Jeremy Lock, US Air Force.

Le Olimpiadi di Pechino sono entrati nella storia e nelle cronache fotogiornalistiche prepotentemente. E dunque anche nel world press.
L'eroe delle gare è stato Usain Bolt, in grado di battere ben 2 record del mondo, sui 100 e 200 metri piani, le 2 gare regine dell'atletica.

Ma esiste un limite naturale ai record sportivi?
Leggi anche la storia delle olimpiadi

Mark Dadswell,  Getty Images

Imprese olimpiche.

Vincent Laforet per Newsweek.

Terre lontane, terre sconosciute, terre affascinanti. Scorrere le foto del World Press è come viaggiare nel mondo. Siamo in Mongolia, alle prese con un fantino.

Anche i lettori di Focus sono stati in Mongolia nell'estate del 2008 per assistere alla eclissi totale. Guarda le loro foto.

Tomasz Gudzowaty, Yours Gallery.

Un'altra immagine sulle olimpiadi: le gare in tv a Pechino.

Zhao Qing, China Youth Daily.

Gli occhi del World press sul fenomeno dei barconi che approdano a Lampedusa con il loro carico di drammi umani, speranze e bisogno di aiuto.

Mashid Mohadjerin, Reporters.

Il primo premio della categoria dedicata ai probelmi della nostra società è andato a questo scatto che raffigura un senza tetto di San Paolo (Brasile).

Carlos Cazalis, Corbis.

Questa foto del fotografo italiano Giulio Di Sturco (Agenzia Grazia Neri) è il vincitore della sezione arte e spettacoli del World Press Photo 2009. La foto è stata realizzata nel backstage dell'Indian Fashion Week.

Giulio Di Sturco, Agenzia Grazia Neri.

Una prostituta transessuale in Honduras.

Pep Bonet, Noor.

Secondo posto nella categoria "Daily Life Stories" alla fotografa americana del New York Times Brenda Ann Kenneally.

Brenda Ann Kenneally per The New York Times Magazine.

Terzo posto nella categoria "Daily Life" al fotografo Tomasz Wiech. I fotografi polacchi, in questa edizione del World Press Photo, si sono aggiudicati 3 premi.

Tomasz Wiech, Gazeta Wyborcza Krakow.

Due visitatori nel campo di concentramento di Auschwitz-Birkenau.

Roger Cremers.

Un ritratto dell'attore Dennis Hopper vale al fotografo Jerome Bonnet il secondo posto nella categoria "Portraits Singles".

Jerome Bonnet per Libération.

Puoi continuare a guardare le foto del World Press:
Edizione 2007
Edizione 2006
Edizione 2005
Edizione 2004
Edizione 2003
Le migliori foto di 50 anni di World Press Photo

Si chiamano Heidi & Hans-Jürgen Koch, sono marito e moglie, e sono due grandi fotografi naturalistici tedeschi. Hanno realizzato un servizio sugli occhi degli animali da cui è tratto questo scatto. Premiato con il terzo posto nella categoria "servizi fotografici naturalistici".

Heidi & Hans-Jürgen Koch per Stern.


Dopo aver visto tutta la gallery, puoi continuare a guardare le foto del World Press:
Edizione 2007
Edizione 2006
Edizione 2005
Edizione 2004
Edizione 2003
Le migliori foto di 50 anni di World Press Photo

È la crisi economica che ha sconvolto gli Stati Uniti (e a cascata tutto il mondo) a vincere il primo premio del World Press 2008: un poliziotto, uno sceriffo armato della contea di Cuyahoga, esegue lo sfratto, in seguito a pignoramento, di un'abitazione nell'Ohio. L'ufficiale verifica che la casa sia vuota e che non siano state lasciate delle armi.

Anthony Suau per Time.