Le foto vincitrici dell'Epson International Pano Awards 2015

Vette innevate, coccodrilli a pelo d'acqua, vulcani fumanti, torri immerse nel mistero: un giro del mondo con gli scatti premiati dal prestigioso concorso dedicato alla fotografia panoramica.

1035 fotografi professionisti e dilettanti provenienti da 60 paesi, per un totale di 4345 foto inviate: sono i numeri della sesta edizione dell'Epson International Pano Awards, il più grande concorso al mondo dedicato alla fotografia in formato panoramico, una tecnica che unisce ispirazione e colpo d'occhio a un uso sapiente dei programmi per la composizione delle immagini.

Ad aggiudicarsi il primo premio assoluto nella categoria Open è stato l'olandese Max River, che nella sua The Ice Prison ha immortalato la montagna Ama Dablam (6812 metri) da una grotta ghiacciata sulla catena dell'Himalaya. Il mosaico che vedete qui sopra è il risultato della fusione di sei fotogrammi "perfetti", che una volta catturati dall'obiettivo del fotografo sono stati rielaborati mediante una lunga sessione con Photoshop. La panoramica ha trionfato anche nella sezione natura e paesaggi della categoria Open.

Tra i professionisti ha colpito nel segno anche l'immagine del fotografo britannico Darren Moore (qui sopra), secondo nella classifica generale e premiato dai giudici nella sezione riservata ad ambienti costruiti ed architetture.

Il primo classificato fra gli amatori è stato invece il polacco Mateusz Piesiak, che con Phantoms Of The Mornings ha battuto l'australiano John Finnan, vincitore però nella sezione Built Environment / Architecture. Tra gli altri fotografi spicca Carlos F. Turienzo, che con Lighting The Way ha conquistato il Jeff Mitchum Award, premio di nuova istituzione che incorona la foto più meritevole sul piano emotivo. Trovate queste e molte altre scorrendo le immagini contenute nella gallery.

Phantoms of the Morning, di Mateusz Piesiak - Primo posto assoluto tra i fotografi dilettanti e nella categoria Amateur (Nature)

Foggy Sunrise at Wallaces Hut, di John Finnan - Primo premio nella categoria Amateur (Built)

Lightning the Way, di Carlos F. Turienzo - Categoria Open (Built), fotografia premiata con il Jeff Mitchum Award

Smiling Assassin, di Matthew Smith - Categoria Open (Nature)

Alone, di Mohammad Rahman - Categoria Open (Nature)

Kliuchevskaia Sopka, di Dmitry Moiseenko - Categoria Open (Nature)

Braving the Blizzard, di Judith Conning - Categoria Open (Nature)

Wildebeests Migration Masai Mara, di Arun Mohanraj - Categoria Open (Nature)

Curvature, di Darren Moore - Categoria Open (Built)

Tower Wars, di Az Jackson - Categoria Open (Built)

Flyover, di Dennis Ramos - Categoria Open (Built)

Foggy Dubai Marina, di Sajeesh Shanmughan - Categoria Open (Built)

Welcome Milky Way, di Nicholas Roemmelt - Categoria Amateur (Nature)

Vibrant Sunset, di Dag Ole Nordhaug - Categoria Amateur (Nature)

Tree Family, di Paweł Uchorczak - Categoria Amateur (Nature)

In Heaven on Hoven, di Nicholas Roemmelt - Categoria Amateur (Nature)

Helvete, di Wojciech Kruczynski - Categoria Amateur (Nature)

Wings II, di Damian Guiney - Categoria Amateur (Built)

Colossal, di Daniel Brauer - Categoria Amateur (Built)

Heart of Dubai, di Monish Mansharamani - Categoria Amateur (Built)

Brooklyn Bridge Wires, Thibault Roland - Categoria Amateur (Built)

Sydney Harbour, di Gary Pullar - Categoria Amateur (Built)

1035 fotografi professionisti e dilettanti provenienti da 60 paesi, per un totale di 4345 foto inviate: sono i numeri della sesta edizione dell'Epson International Pano Awards, il più grande concorso al mondo dedicato alla fotografia in formato panoramico, una tecnica che unisce ispirazione e colpo d'occhio a un uso sapiente dei programmi per la composizione delle immagini.

Ad aggiudicarsi il primo premio assoluto nella categoria Open è stato l'olandese Max River, che nella sua The Ice Prison ha immortalato la montagna Ama Dablam (6812 metri) da una grotta ghiacciata sulla catena dell'Himalaya. Il mosaico che vedete qui sopra è il risultato della fusione di sei fotogrammi "perfetti", che una volta catturati dall'obiettivo del fotografo sono stati rielaborati mediante una lunga sessione con Photoshop. La panoramica ha trionfato anche nella sezione natura e paesaggi della categoria Open.