Natura

Le cascate dell'Iguazú: una meraviglia della natura

Tra Brasile e Argentina, il fiume Iguazú crea centinaia di spettacolari salti d'acqua, al centro di una foresta ricchissima di vita.

La leggenda racconta che siano nate dalla furia di un dio. La bellissima Naipi, figlia del capo di una comunità, doveva essere consacrata alla divinità M'Boy e passare la vita a occuparsi del suo culto. Prima della consacrazione, Naipi e il guerriero Tarobá fuggirono insieme sul fiume, in canoa. Furioso, M'Boy aprì una frattura nella roccia creando un'enorme cascata in cui i due amanti precipitarono. Per il mito delle popolazioni indigene delle zona, sono nate così le cascate dell'Iguazú, tra Brasile e Argentina: sono formate dal fiume Iguazú, cadendo in un canyon nella roccia. Una delle meraviglie del Sud America.

Vi parliamo delle cascate, della vita adattata a vivere in questo ambiente particolare e della ricchissima foresta che le circonda su Focus 352 (febbraio 2022), nella seconda puntata del nostro viaggio con il WWF. Il documentario qui sopra ne mostra alcuni (impressionanti) scorci.

Dal mito alla geologia. E qui vi racconta ancora della geologia e della formazione delle cascate - oltre al mito - uno degli esperti che abbiamo intervistato per l'articolo su Focus: Eduardo Salamuni, geologo della Universidade Federal do Paraná di Curitiba, in Brasile. «La regione in cui si trovano è formata da una successione di colate di lava basaltica avvenute nel Cretaceo, con fuoriuscite soprattutto tra 134 e 132 milioni di anni fa. La lava ha coperto un'area di 1.200.000 km quadrati, in una zona che si estende tra Brasile, Argentina, Paraguay e Uruguay. Lo spessore massimo restante è di duemila metri. È così che si è formato lo scuro basalto locale», spiega Salamuni: «nel basalto si sono formate grandi fratture; una di queste è il canyon dell'Iguazú, in cui il fiume si incanala dopo il salto delle cascate e che prosegue fino al punto in cui il fiume si getta nel Paraná. Il fiume Iguazú si è formato dopo che, circa 20.000 anni fa, il clima è cambiato da secco e freddo a umido e caldo: si instaurò un regime regolare di piogge e le abbondanti acque che confluivano dal bacino idrografico formarono l'Iguazú. Questo, con un volume di acqua crescente, spostò progressivamente il suo corso fino ad arrivare a una imponente frattura geologica nella roccia basaltica: così si sono formate le cascate e il fiume si è incanalato in quello stretto canyonIl processo di erosione degli strati basaltici ha poi creato la forma

"a scala", con i grandi gradini da cui scendono successivi salti d'acqua.

Acqua azzurra, acqua rossa. Il fiume porta con sé una grande quantità di sedimenti, che possono cambiare il colore dell'acqua, da cristallina a... rossa. «Il fiume trasporta tonnellate di sedimenti, soprattutto dopo che la zona del bacino fluviale è stata deforestata, esponendo il suolo, che viene così facilmente eroso. Nel periodo delle piogge i sedimenti danno una colorazione arancione-rossastra al fiume; quando le piogge sono meno intense, il fiume è più trasparente e azzurro. I sedimenti poi in parte si depositano lungo il corso del canyon, tra le rocce ai suoi bordi, creando piccole spiagge che vengono colonizzate da flora e fauna», continua Salamuni. Nella zona, sulle strade sterrate o al bordo dei campi, dove la foresta è stata eliminata, si vede apparire un terreno dal colore rosso intenso: «La terra rossa della zona è prodotta dalla decomposizione chimica del basalto», conclude Salamuni: «è un suolo vulcanico molto fertile».

22 gennaio 2022 Giovanna Camardo
Tag ambiente - natura -
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us