Natura

La speranza nelle paludi irachene

Uno scienzaito americano ha visitato le grandi paludi della Mesopotamia. Trovandole quasi completamente distrutte. Anche se...

La speranza nelle paludi irachene
Uno scienzaito americano ha visitato le grandi paludi della Mesopotamia. Trovandole quasi completamente distrutte. Anche se...

Quest'immagine, ripresa dal satellite Terra, rappresenta l'Iraq meridionale, con quel che resta delle paludi della Mesopotamia al centro dl'immagine. La loro superficie superava i 20.000 chilometi quadrati. Ora è diminuiita del 90 per cento.© Nasa.
Quest'immagine, ripresa dal satellite Terra, rappresenta l'Iraq meridionale, con quel che resta delle paludi della Mesopotamia al centro dl'immagine. La loro superficie superava i 20.000 chilometi quadrati. Ora è diminuiita del 90 per cento.
© Nasa.

Le paludi del sud dell'Iraq erano tra le più grandi zone umide del medio Oriente. L'ecosistema era fondamentale per moltissime specie animali e vegetali e per migliaia di uccelli migratori. Le cosiddette paludi della Mesopotamia erano abitate dai cosiddetti “arabi delle paludi”, avversari del regime, e sono state quasi completamente distrutte da Saddam Hussein per annientare i rivali. Una delegazione dell'università americana di Duke ha visitato nel mese di giungo le paludi e ha trovato un paesaggio di devastazione e di distruzione, ma anche zone da cui è possibile partire per ricostruire gli ecosistemi. Buona parte delle paludi occidentali e centrali sono quasi completamente prosciugate.
«Saddam Hussein è stato un eccezionale distruttore dell'ambiente, dice Curtis Richardson, direttore del Centro per lo studio delle paludi della Duke University. Ha completamente sconvolto il paese. È stato come lasciare un bambino armato di bombe a mano in una cassa di sabbia.» Eppure, nella porzione delle paludi della Mesopotamia al confine con l'Iraq, Richardson ha visto ancora l'ambiente in discreto stato, con le popolazioni che avevano reintrodotto i bufali e ricominciato a pescare. Anche se la situazione non potrà mai tornare quella di prima, perché Richardson ritiene che si potrà ricostruire al massimo il 15-20 per cento delle paludi originarie.

(Notizia aggiornata al 27 agosto 2003)

26 agosto 2003
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Cento anni fa, il 10 giugno 1924, Giacomo Matteotti moriva trucidato per mano di sicari fascisti. In questo numero di Focus Storia ricostruiamo le fasi dell’agguato, la dinamica del delitto e le terribili modalità dell’occultamento del corpo. Ma anche le indagini, i depistaggi, il processo farsa e le conseguenze politiche che portarono l’Italia nel baratro della dittatura.

E ancora: quando, per prevenire gli avvelenamenti, al servizio di principi e papi c’erano gli assaggiatori; la vita spericolata e scandalosa dell’esploratore Sir Richard Burton; tutto sul D-Day, il giorno in cui in Normandia sbarcarono le truppe alleate per liberare l’Europa dal dominio nazista

ABBONATI A 29,90€

Un dossier sulla salute esplora i possibili scenari di un mondo senza sigarette, analizzando i vantaggi per la salute, l'ambiente e l'economia. Un'inchiesta sul ruolo dei genitori nell'educazione dei figli ci porta a riflettere sull'importanza delle figure genitoriali, con un focus sulla storia di Jannik Sinner.

Ampio spazio è dedicato alla scienza e alla tecnologia, con articoli sull'energia nucleare, i reattori nel mondo e un'intervista esclusiva a Roberto Cingolani sulla transizione energetica. Un viaggio nell'archeoastronomia ci svela come l'uomo abbia misurato il tempo attraverso i fenomeni celesti.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con una guida completa sulla dengue e focus sulla caduta dei capelli, problema molto diffuso tra gli uomini. La sezione animali ci regala immagini sorprendenti di pinguini, primati e canguri.

ABBONATI A 31,90€
Follow us