Natura

Ghiacciai: il calo per immagini

Così si sono rimpiccioliti dal 1850 due giganti di ghiaccio del Trentino: il ghiacciaio de La Mare e il ghiacciaio del Careser. In questa animazione potete vedere quanto la loro superficie si è ridotta.

La tragedia della Marmolada ce lo ha ricordato con prepotenza: i ghiacciai stanno subendo le conseguenze del riscaldamento globale. Da anni la superficie dei ghiacciai alpini si sta riducendo. "Il problema principale è il caldo estivo: causa una fusione massiccia del ghiaccio e quindi una riduzione della massa. A questo si somma una riduzione delle precipitazioni in inverno, che non permette nuovi accumuli", spiega Fabrizio de Blasi, ricercatore dell'Istituto di Scienze Polari del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr).

Nell'animazione qui sotto vi mostriamo con grafici e ricostruzioni l'evoluzione di due ghiacciai trentini, il ghiacciaio de La Mare e il ghiacciaio del Careser.

CIME SOPRA LO ZERO. "In estati calde come quella che stiamo vivendo, lo zero termico (l'altitudine alla quale la temperatura nella libera atmosfera è di 0 gradi) è arrivato a quote molto alte. Immaginiamo che arrivi a 4.000 metri: significa che tutto ciò che si trova al di sotto è a una temperatura superiore allo zero. E quindi fino a quell'altitudine i ghiacciai fondono", continua de Blasi. Lo scorso 25 luglio, lo zero termico sulle Alpi svizzere (misurato a Payerne) è arrivato a 5.184 metri: non superava quota 5.000, ben superiore a qualsiasi picco svizzero, dal 1995. "Conta sia il trend delle temperature estive medie, che è in aumento, sia la maggiore frequenza dei picchi di calore: sono eventi dei quali i ghiacciai risentono molto, fondendo se la temperatura si innalza anche solo per un periodo limitato", conclude il glaciologo. "Aggiungiamo che molti ghiacciai italiani hanno un'esposizione a sud. E che quest'anno il caldo precoce ha fuso molto presto la neve rimasta dall'inverno: è quella che protegge come una coperta il ghiaccio sottostante".

13 agosto 2022 Giovanna Camardo
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Tre colpi, una manciata di secondi e JFK, il presidente americano più carismatico e popolare disempre finiva di vivere. A 60 anni di distanza, restano ancora senza risposta molte domande sudinamica, movente e mandanti del brutale assassinio. Su questo numero, la cronaca di cosa accadde quel 22 novembre 1963 a Dallas e la ricostruzione delle indagini che seguirono. E ancora: nei campi di concentramento italiani, incubo di ebrei e dissidenti; la vita scandalosa di Colette, la scrittrice più amata di Francia; quello che resta della Roma medievale.

ABBONATI A 29,90€

La caduta di un asteroide 66 milioni di anni fa cambiò per sempre gli equilibri della Terra. Ecco le ultime scoperte che sono iniziate in Italia... E ancora: a che cosa ci serve ridere; come fanno a essere indistruttibili i congegni che "raccontano" gli incidenti aerei; come sarebbe la nostra società se anche noi andassimo in letargo nei periodi freddi; tutti i segreti del fegato, l'organo che lavora in silenzio nel nostro corpo è una sofisticata fabbrica chimica.

ABBONATI A 31,90€
Follow us