Natura

Faglia di Sant'Andrea: pronta a esplodere?

Potremmo essere vicini al temuto Big One, madre e padre di tutti i terremoti: lo sostengono i geologi statunitensi.

Può sembrare il trailer di un nuovo film catastrofista, ma non è così: l'allarme arriva da un gruppo di sismologi di fama internazionale. «La faglia di San Andreas è bloccata, carica e pronta a esplodere», hanno affermato i ricercatori alla National Earthquake Conference, tenutasi a Long Beach.

La faglia (una frattura della litosfera terrestre) si mosse in modo significativo nel 1857 e nel 1906, poi in modo meno marcato nel 1989, sempre con devastanti conseguenze, «ed è in una fase di quiescenza da troppo tempo», afferma Thomas Jordan, direttore del Southern California Earthquake Center.

Le placche che agiscono sulla faglia di San Andreas. Nonostante gli enormi stress cui è sottoposta, la faglia non ha scaricato l'energia accumulata da oltre un secolo.
In prossimità della faglia le rocce mostrano pieghe imponenti, a dimostrazione delle enormi tensioni a cui sono sottoposte.

L'allarme non è infondato: negli ultimi 100 anni la placca nord americana si è mossa verso nord-ovest di circa 5 metri, ma la faglia di San Andreas non ha scaricato le tensioni accumulate. E questo fatto è un'eccezione se si guarda al comportamento della faglia in tempi passati. Richiamare l'attenzione su rischi del genere è sempre un azzardo, ma l'appello ha lo scopo dichiarato di "dare una scossa" alle istituzioni e ai politici, affinché si verifichino le condizioni di sicurezza dei servizi essenziali, dagli acquedotti al sistema fognario, fino agli edifici pubblici. Alcun anni or sono un rapporto del servizio geologico Usa dimostrava come un terremoto di magnitudo 7.8 lungo la faglia potrebbe causare migliaia di vittime e miliardi di danni.

7 maggio 2016 Luigi Bignami
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us