Natura

La fabbrica del vento vista dallo spazio

Un satellite Landsat8 ci regala due immagini uniche del London Array, il più grande parco eolico offshore del mondo. Si trova dove il Tamigi incontra il Mare del Nord, a 20 chilometri dalla costa inglese, e può produrre energia per 500 mila abitazioni.

Dall’alto si presenta come una serie di puntini bianchi ordinati, su uno sfondo azzurro e beige. Come tante capocchie di spillo in fila su un tessuto. E invece è il più grande parco eolico offshore del mondo, il London Array, immortalato dal satellite Landsat 8 il 28 aprile 2013, venti giorni dopo essere entrato a pieno regime.

La foto è stata diffusa dalla Nasa soltanto ora. Nell'orginale, non ingrandito, si nota la posizione strategica dell’impianto: a 20 km dalla costa inglese, dove il Tamigi incontra il Mare del Nord e il vento non manca. Arriva soprattutto da Sud-ovest e le 175 turbine, alte ciascuna 147 metri, sono allineate in modo da sfruttarlo al meglio e generare fino a 2,2 milioni di megawatt-ora all’anno: abbastanza per rifornire d’energia 500 mila abitazioni.
La distanza tra le singole turbine è tra i 650 e i 1.200 metri e, in totale, il London Array occupa una superficie di 100 chilometri quadrati. Ma il parco eolico è destinato a crescere ancora, fino a 245 chilometri quadrati d’estensione.

Sabbia
Le aree giallognole sul Tamigi, che si vedono nelle foto, sono la traccia dei sedimenti del disgelo primaverile, raccolti dal fiume inglese sulla sua strada. Quello che non si vede è invece la ragnatela di cavi interrati sul fondo del mare, che collega le turbine tra loro e con le tre centrali elettriche – due in acqua e una sulla costa – dove avviene la trasformazione dell’energia.

La fattoria del vento più grande del mondo
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Luci e ombre
I promotori del London Array affermano che il parco eolico permette di ridurre le emissioni annue di CO2 di 900.000 tonnellate, pari a quelle prodotte da 300.000 automobili.
I critici del progetto temono che così tante pale possano decimare la popolazione di Strolaghe minori (Gavia stellata) che svernano lungo tutta la costa. Un rischio che potrebbe crescere ulteriormente quando partirà la seconda fase del progetto.

Guarda anche

Buon compleanno, Envisat
VAI ALLA GALLERY (N foto)

Le meraviglie del mondo viste da satellite
VAI ALLA GALLERY (N foto)

L'arte ruba alla Natura o la Natura ruba all'arte?
VAI ALLA GALLERY (N foto)

23 gennaio 2014 Stefano Rizzato
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

La morte atroce (e misteriosa) di Montezuma, la furia predatrice dei conquistadores, lo splendore della civiltà azteca perduta per sempre: un tuffo nell'America del sedicesimo secolo, per rivivere le tappe della conquista spagnola e le sue tragiche conseguenze. 

ABBONATI A 29,90€

Il ghiaccio conserva la storia del Pianeta: ecco come emergono tutti i segreti nascosti da milioni di anni. Inoltre: le aziende agricole verticali che risparmiano terra e acqua; i tecno spazzini del web che filtrano miliardi di contenuti; come sarà il deposito nazionale che conterrà le nostre scorie radioattive; a che cosa ci serve davvero la mimica facciale.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa sono i pianeti puffy? Pianeti gassosi di dimensioni molto grandi ma di densità molto bassa. La masturbazione è sempre stata un tabù? No, basta rileggere la storia della sessualità. E ancora: perché al formaggio non si può essere indifferenti? A quali letture si dedicano uomini e donne quando sono... in bagno?

ABBONATI A 29,90€
Follow us