Natura

La Costa Concordia riparte... col canotto

Dopo il parbuckilng, la manovra di rotazione che ha raddrizzato il relitto, la Costa Concordia deve essere trasportata in un porto adatto per lo smantellamento. Quale sarà la sua destinazione?

La Costa Concordia, naufragata davanti all’Isola del Giglio il 13 gennaio 2012, dopo la manovra di rotazione del 16 settembre, ora deve essere trasportata: sì, ma… dove? Piombino, Genova, Porto Torres, Civitavecchia, Palermo: molte ipotesi, ma il porto di destinazione non è ancora stato stabilito. Sono certi, invece, due elementi. Il primo, la società incaricata del trasporto è la olandese Boskalis, che ha preparato una gigantesca “nave trasporto”.



Secondo, il costo dell’operazione. Sul sito della Boskalis si legge un comunicato ufficiale che parla di 30 milioni di dollari Usa (circa 27 milioni di euro).
Dockwise Vanguard, questo il nome della struttura, sarà lungo 275 metri, alto 75 (altezza dei cassoni laterali di stabilizzazione) e funzionerà come un gigantesco “canotto” dentro il quale viaggerà la Costa Concordia. Periodo stimato per l’operazione, la primavera 2014.
16 ottobre 2013
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Oggi il presidente ucraino Zelensky, ieri l'imperatore Claudio, la contessa-guerriera Caterina Sforza, il sindacalista Lech Walesa, il sovrano Giorgio VI... Tutti leader per caso (o per forza) che le circostanze hanno spinto a mettersi in gioco per cambiare il corso della Storia. E ancora: nella Urbino di Federico da Montefeltro, un grande protagonista del Rinascimento; 30 anni fa, la morte di Giovanni Falcone a Capaci; lo scandalo Watergate che costrinse il presidente Nixon alle dimissioni; i misteri, mai risolti, attorno all'omicidio di Giovanni Borgia.

ABBONATI A 29,90€

Il mare è vita eppure lo stiamo sfruttando e inquinando rischiando il collasso dell’ecosistema globale. Per salvarlo dobbiamo intervenire. Come? Inoltre: perché è difficile prendere decisioni; esiste l'archivio globale dei volti; come interagire con complottisti e negazionisti; perché i traumi di guerra sono psicologicamente pesanti.

ABBONATI A 31,90€
Follow us