L'Everest in time-lapse

Godetevi il panorama visibile dal tetto del mondo senza spostarvi da casa: il video girato da un filmaker canadese appassionato di alpinismo.

La corsa delle nuvole, le stellate mozzafiato, le tende gialle dei campi base e le bandiere tibetane mosse dal vento... In meno di due minuti e mezzo Elia Saikaly, filmaker canadese con la passione per le avventure in alta quota, racconta una delle esperienze più estreme della sua carriera: la sua seconda spedizione sull'Everest. Non una semplice scalata, ma un'ascesa documentata con riprese continue nella Death Zone, la zona oltre gli ottomila metri in cui la rarefazione dell'atmosfera mette a rischio la vita anche degli alpinisti più esperti.

 

Il videomaker, salito a maggio sulla vetta per girare un documentario e condividere la sua missione con una community internazionale di studenti (il network ePals.com), ha rinunciato ogni notte a preziose ore di sonno per fotografare lo spettacolo della volta stellata sull'Himalaya.

 

Alcune sequenze di scatti, come quella che mostra il sorgere della Via Lattea sopra alle cime (dal minuto 0:40) o quella della partenza di una cordata notturna a quota ottomila (minuto 1:34) lasciano davvero a bocca aperta. Le centinaia di foto scattate durante la spedizione sono state poi assemblate in un video in time-lapse direttamente a quota 6.400 metri, in tenda, collegando la fotocamera a un MacBook.

 

Vedi anche

 

# Il monte Everest e il problema delle toilette
# Il primo tweet dalla cima dell'Everest
# Il miele allucinogeno delle api giganti dell'Himalaya
# ... e i migliori video in time-lapse su Focus.it

 

1 gennaio 2017 | Elisabetta Intini