Natura

L'Etna è ufficialmente patrimonio dell'Unesco

'A Muntagna, come lo chiamano i siciliani, è da oggi un bene di tutti: una buona notizia per chi ogni giorno si impegna nella sua tutela e valorizzazione.

La montagna più bella e irrequieta di tutta la Sicilia è da oggi Patrimonio mondiale dell'Umanità. Il comitato dell'Unesco riunito a Phnom Penh (Cambogia) per decidere l'iscrizione nella sua lista di 31 luoghi di interesse naturale o artificiale ha dichiarato l'Etna patrimonio mondiale definendolo uno dei vulcani «più emblematici e attivi del mondo». La notizia era stata anticipata a maggio, ancora in via non ufficiale, dal neoministro dell'Ambiente Andrea Orlando.

Patrimoni dell'Umanità in 10 domande: quante ne sai?

Nella motivazione si legge che l'Etna, il più importante vulcano europeo la cui attività dura da almeno 2700 anni, ha una delle storie documentate più antiche del mondo, e ne viene riconosciuto anche l'inestimabile valore culturale.

Etna, anche 35 eruzioni all'anno nel prossimo futuro

«
I crateri della vetta, i coni di cenere, le colate di lava, le grotte di lava e la depressione della valle del Bove fanno dell'Etna una destinazione privilegiata per la ricerca e per l'istruzione», si legge nella nota ufficiale «esso continua ad influenzare la vulcanologia, le geofisica ed altre discipline della Terra». La zona riconosciuta dall'Unesco fa già parte del Parco dell'Etna dal 1987.

Da non perdere: le più belle foto dell'Etna (guarda)
Ecco dove erutterà in futuro "'A Muntagna": le previsioni dell'INGV
Etna, eruzioni e terremoti: uno studio li mette in relazione
Guarda anche le meraviglie del mondo fotografate da satellite

21 giugno 2013 Elisabetta Intini
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Focus Storia ci porta indietro al 1914, l'anno fatale che segnò l'inizio della Prima Guerra Mondiale. Attraverso un'analisi dettagliata degli eventi, delle alleanze politiche e degli imperi coloniali, la rivista ricostruisce il contesto storico che portò al conflitto.

Scopriremo le previsioni sbagliate, le ambiguità e il gioco mortale delle alleanze che contribuirono a scatenare la guerra. Un focus sulle forze in campo nel 1914 ci mostrerà l'Europa divisa in due blocchi pronti allo scontro, mentre un'analisi delle conseguenze della pace di Versailles ci spiegherà perché non durò a lungo.

Non mancano le storie affascinanti come quella di Agnès Sorel, amante di Carlo VII, e di Moshe Feldenkrais, inventore dell'omonimo metodo terapeutico. Un viaggio nell'arte ci porterà alla scoperta della Street Art e della Pop Art nel nuovo JMuseo di Jesolo, mentre uno sguardo alla scienza ci farà conoscere le scienziate che non hanno avuto i meritati riconoscimenti.

ABBONATI A 29,90€

Focus si immerge nel Mediterraneo con un dossier speciale: un ecosistema minacciato, ma ricco di biodiversità e aree marine protette cruciali. Scopriremo l'importanza della Posidonia oceanica e le minacce alla salute del mare.

La rivista esplora anche scienza e tecnologia, svelando i segreti dei papiri di Ercolano e portandoci dietro le quinte del supercomputer Leonardo. Un viaggio nell'archeoastronomia e un'inchiesta sul ruolo del tatto nella società umana arricchiscono il numero.

Non mancano approfondimenti sulla salute, con un focus sull'Alzheimer e consigli per migliorare il sonno. La tecnologia è protagonista con uno sguardo al futuro dei gasdotti italiani e alle innovazioni nel campo delle infrastrutture. Infine, uno sguardo all'affascinante mondo dell'upupa.

ABBONATI A 31,90€
Follow us