Natura

Dinosauri e mammiferi: la grande estinzione

La grande estinzione della fine del Cretaceo colpì anche i nostri antenati diretti, insieme ai dinosauri.

I paleontologi non sapevano con certezza cosa fosse successo ai mammiferi circa 65 milioni di anni fa, quando un asteroide colpì la Terra e sconvolse gli ecosistemi del pianeta, portando alla scomparsa di moltissime specie, tra cui i grossi rettili dominanti.

Un'accurata analisi di tutti i fossili del periodo attorno alla catastrofe - da due milioni di anni prima a 300.000 anni dopo - ha portato alcuni ricercatori del Milner Centre for Evolution dell’University di Bath (Regno Unito) a stabilire che anche un’alta percentuale di mammiferi scomparve al cosiddetto limite Cretaceo-Terziario.

Il risultato dell’analisi, apparso sul Journal of Evolutionary Biology, ha determinato che il corpo celeste ha “colpito duro” anche i mammiferi, facendo scomparire circa il 93% delle specie:

delle 59 prese in considerazione, solo 4 sopravvissero.

La velocità di estinzione fu molto maggiore di quanto non si ritenesse finora, perché, come spiega uno degli autori, Nick Longrich, le analisi limitate tengono conto solo delle specie più comuni, che a volte riescono a sopravvivere all’estinzione. Le più rare sono quelle che scompaiono, ma lasciano anche meno fossili, ed è quindi più difficile tenerne conto quando si fanno le analisi.

Il ritorno dei mammiferi. La grande diversità di questo gruppo è poi tornato in breve (geologicamente parlando) a quella che era prima; come abbiamo visto nella notizia I mammiferi erano già numerosi e diversificati prima della scomparsa dei dinosauri, i nostri antenati non furono, come si pensava, pochi e spaventati per milioni di anni tra le zampe dei grossi rettili, ma erano già diversificati nel Mesozoico.

Anche se l’asteroide ne fece scomparire la maggior parte, nel giro di poche centinaia di migliaia di anni (un periodo geologicamente breve) i mammiferi riguadagnarono posizioni e numero di specie, fino a raggiungere e superare la biodiversità che avevano nell’era precedente.

24 giugno 2016 Marco Ferrari
Ora in Edicola
Scopri il mondo Focus. Ogni mese in edicola potrai scegliere la rivista che più di appassiona. Focus il magazine di divulgazione scientifica più letto in Italia, Focus Storia per conoscere la storia in modo nuovo ed avvincente e Focus Domande & Risposte per chi ama l'intrattenimento curioso e intelligente.

Sulle orme di Marco Polo, il nostro viaggiatore più illustre che 700 anni fa dedicò un terzo della sua vita all’esplorazione e alla conoscenza dell’Oriente, in un’esperienza straordinaria che poi condivise con tutto il mondo attraverso "Il Milione". E ancora: un film da Oscar ci fa riscoprire la figura di Rudolf Höss, il comandante di Auschwitz che viveva tranquillo e felice con la sua famiglia proprio accanto al muro del Lager; le legge e le norme che nei secoli hanno vessato le donne; 100 anni fa nasceva Franco Basaglia, lo psichiatra che "liberò" i malati rinchiusi nei manicomi.

ABBONATI A 29,90€

Che cosa c’era "prima"? Il Big Bang è stato sempre considerato l’inizio dell’universo, ma ora si ritiene che il "nulla" precedente fosse un vuoto in veloce espansione. Inoltre, come si evacua un aereo in caso di emergenza? Il training necessario e gli accorgimenti tecnici; che effetto fa alla psiche il cambiamento climatico? Genera ansia ai giovani; esiste la distinzione tra sesso e genere tra gli animali? In alcune specie sì. Con quali tecniche un edificio può resistere a scosse devastanti? Siamo andati nei laboratori a prova di terremoti.

 

ABBONATI A 31,90€
Follow us